TOP Radio 2022 (Come viene viene edition): il meglio e non meglio di un anno radiofonico

Seguici su Whatsapp - Telegram

Diciamoci la verità: io quest’anno questo pezzo non è che mi senta in grado di farlo, causa vita privata. Avevo due strade: non farlo proprio o farlo male. Per vostra sfortuna ho scelto la seconda, e poi me l’avete chiesto in tantissimi (non è vero, ma anche gli influencer condominiali ormai esordiscono così).

Già nel titolo ho messo le mani avanti. Sono nella situazione di quello che cerca il regalo di Natale il 24 sera alle 19:29 “Negoziante, che hai fatto parte dei Via Verdi….”. No, questa è un’altra cosa.

Dunque partiamo, ricordando che per chi scrive la radio è cosa seria, ma queste righe serie non lo sono affatto. Questo è quanto scritto nel 2021, mentre per questa edizione ci sarà qualche categoria in meno. Dopo il risparmio energetico, ecco il risparmio categorico.

Radio 2022 – Radio Deejay: metti un quarantennale, metti un ritorno alla normalità certificato ed ecco che otterrai una Radio Deejay che riprende a martellare con gli eventi in presenza per coinvolgere gli ascoltatori dal vivo. Si va dal mega-evento di giugno al Parco Sempione, “Party Like a Deejay”, alle “Deejay Ten” – in presenza o virtuali – sino alla Festa di Natale. Molto bello – e molto utile al sottoscritto per approfondimenti vari – anche il podcast celebrativo.   Infine, quella di quest’anno è stata una delle migliori canzoni di Natale da quando vige questa tradizione.

Programma Radio 2022 – Un Giorno da Pecora (Rai Radio1): per i Simpatici Giorgio Lauro e Geppi Cucciari è stato un anno non certo semplice, soprattutto quando devi far convivere l’ironia che contraddistingue la tua trasmissione con la “pesantezza” dell’attualità. Basta citare la guerra in Ucraina – affrontata in particolare coi contributi di Ugo Poletti da Odessa e di Andrea Romano, noto politico, docente nonché profondo conoscitore della storia russa – e l’arrivo delle Elezioni anticipate che hanno costretto i conduttori a fare la maratona dei personaggi politici. Va inoltre menzionato il premio “Biagio Agnes” conquistato e non si può non nominare quella che – in assenza di Geppi – è stata partner di Lauro per alcune settimane, ovvero Francesca Fagnani, la “Belva” che ritroveremo anche a Sanremo nel 2023.  Giorgio ha recentemente sperimentato nuovi conduttori. Unica cosa inquietante di 1gdp? Le cravatte “tematiche” di Lauro.

Personaggio maschile 2022 – Alessandro Cattelan (Radio Deejay): a quanto scritto nella spiegazione del primo “premio”, aggiungete Alessandro Cattelan, che con l’Eurovision è stato il conduttore di un programma radiofonico (portato avanti in collegamento da Torino) ad avere visibilità a livello globale.

LEGGI ANCHE  Back2back speciale Let's Play: stasera c'è Clementino

Personaggio femminile 2022 – Federica Gentile (Radio Zeta/RTL 102.5): qui ho scelto lei in quanto si tratta, nel mondo RTL, di fatto di Miss Vivaio. C’è il suo lavoro dietro il ricambio che contraddistingue “l’ammiraglia” e dietro grandi eventi lasciati nelle mani dei giovani. Basti pensare al “Future Hits Live”. Per far crescere i “suoi” giovani, Federica Gentile in determinate occasioni li porta con sé in “W L’Italia“. Come dite? Troppi giovani a discapito di qualche colonna della radiofonia? Forse. Ma ormai la strada intrapresa dal gruppo è questa e c’è chi lavora sulle nuove leve.

Coppia Radiofonica 2022 – Paolino & Martin (Radio 105): loro sono la coppia che maggiormente riesce ad essere originale nelle richieste agli ascoltatori. L’interazione non parte mai dal classico “che stai a facendo?” o dal solito argomento del giorno. Gli ascoltatori vengono stimolati nel formulare risposte creative. Qualche giorno fa, poi, è stato favoloso il lavoro emerso dal Presepe vivente. La trasmissione “13PM” dimostra che non basta un appellativo  tra quella e questa parte della radio per essere una squadra. I Soci, cazzo, un nome normale tra tanti neologismi assurdi – ma ne parleremo dopo – la “squadra” con gli ascoltatori l’hanno messa su veramente. Quest’anno lo strenuo difensore de “Il Corvo” e lo Statale li ho già citati nell’articolo sulla Top 10 coppie.

Due da ascoltare – Renzo Di Falco e Beppe De Marco (RDS): questi due vanno citati perché di fatto hanno vinto per acclamazione. Durante le mattine estive hanno spopolato, anche sui social, e col nuovo palinsesto i loro ascoltatori hanno ottenuto la possibilità di riaverli in coppia la mattina presto.

Giornalista radiofonico 2022 – Andrea Vianello e la squadra del GR1 a Leopoli (Rai Radio1) – Come dite? Atto simbolico? Sì, ma fino a un certo punto. A Luca Bottura e Marianna Aprile (Forrest) Andrea Vianello – direttore dei Gr e di Radio1 ha raccontato comunque qualcosa che, per quel momento, era impressionante. Quella in cui si trovava sembrava essere la città dei bambini. Purtroppo, però, si trattava di bambini in fuga. In quel momento Leopoli era “l’ultimo baluardo della libertà”. Con lui ci sono stati, e li citiamo doverosamente, Paolo Salerno, Massimo Vasciaveo, Massimiliano Savino, e Azzurra Meringolo.

Citazione 2022 – Davide Giacalone (RTL 102.5):  poche ore dopo lo scoppio della guerra, Davide Giacalone in “Non Stop News” ha spiegato, come meglio non avrebbe potuto, la situazione: gli ucraini sono la volpe che corre per sé; i russi rappresentano il cane che corre per il padrone.

LEGGI ANCHE  Chiusura discoteche: "Come si può pensare che la gente vada nei locali senza stare insieme?"

Figura da estroso 2022 – Ringo (Virgin Radio): in questa sezione possiamo racchiudere tutte le assurdità – da una parte e dall’altra – apparse sui social dopo le elezioni. C’è chi ha parlato di inizio della resistenza (Michelin) e di giorno triste per il Paese (Damiano dei Maneskin). Non so voi, ma io di marce su Roma non ne ho viste. Sono andato a votare come al solito. Ad ogni modo, proprio Damiano scriveva: “Oggi è un giorno triste per il mio Paese”. E Ringo rispondeva: ““Damiano, il Paese è triste da quando hai cominciato a fare musica”. Ora: il livello qui è tipo “il mio papà picchia il tuo”. E’ vero che sta cosa di sfasciare gli strumenti sembra essere non più di un copia/incolla malriuscito. Però, io quando i Maneskin hanno vinto l’Eurovision davanti alla Francia per pochi punti facendo rosicare i cugini un’altra volta, non ero triste per nulla. Inoltre Ringo è sempre stato schieratissimo. Nulla di male, ma mi chiedo: lo snobismo verso i Maneskin è dettato esclusivamente da ragioni artistiche, o c’è anche un filo di politica?

Puntata 2022 – Ti Sento (Rai Radio2): Pierluigi Diaco è un maestro nel far sentire l’ascoltatore a proprio agio e nel creare l’interazione con gli ascoltatori ma anche TRA gli ascoltatori facendosi da parte, come in questa puntata.

Giù il microfono 2022

3 – Ambra/Tiziano – sì sì, bellissimo l’ultimo album di Tiziano Ferro. Poi però c’è “Ambra/Tiziano” con Ambra Angiolini, un brano che può essere considerato come la “malus track” del 2022. Ed effettivamente, qui avevano ragione.  Uno è una star mondiale, l’altra è stata giudice di X Factor.

 

2 – i nomi assurdi per ‘fare squadra’: qui entriamo nel capitolo dedicato al “Dai, facciamo squadra”. C’è questa corsa alla creazione di neologismi che dovrebbero identificare conduttori ed ascoltatori. Io credevo che AQPPINI (Vecchia m2o) sarebbe stato il punto più basso. Poi, senza fare nomi, ho sentito cose tipo “mattinotti” e “pazzenti”. Pazzenti? PAZZENTI? Tra l’altro nella radio dove la iper-super-mega direttrice ancora si strugge per un “ce lo ascoltiamo”? Qui c’è materiale per finire con l’auspicare una collaborazione tra Silvano Michetti e Riccardo Fogli. Ragazzi, andate avanti così che a breve Elisa Esposito sembrerà la nuova Alda Merini.

LEGGI ANCHE  X Factor in radio: diretta su RTL 102.5

1 – L’ossessività del “rispondi al telefono”: qui veniamo alla missione di civiltà per il 2023, cioè sopprimere l’accattonaggio al microfono. Che io sappia, l’ascoltatore non dovrebbe essere coinvolto nei problemi della radio o del singolo conduttore. Capisco che dobbiate tirar fuori dei numeri coi quali rendervi attraenti verso eventuali inserzionisti, ma il fatto che dobbiate farlo nel 2023 con chiamate verso i telefoni a disco non è un “nostro” problema. Con questa storia, nell’era del telemarketing, del “Dai, rispondi con gioia a un numero sconosciuto così vinciamo insieme”, siete un pelino molesti. Tanto che se mi suonasse un testimone di Geova con l’intento di vendermi un aspirapolvere a metà prezzo ma solo cambiando il gestore di luce e gas, giuro che lo abbraccerei. Cos’è questa selvaggia callcenterizzazione dell’FM, o per essere più terra terra, sta poracciata? In tali situazioni andreste obbligati a riascoltare ciò che producete, simil-Arancia meccanica. Impazzireste a un certo punto. Come dite? C’è di peggio? Vero, ad esempio c’è la simulazione, tra i conduttori , delle telefonate in questione. Siete i primi a sminuire il vostro prodotto a livello comunicativo. Un ristoratore mi ha sempre detto “a presto”, non “Ti prego torna presto, perché altrimenti chiudo”.

Best Artists 2022

Terminata la sezione dedicata allo spray urticante per i timpani, ci avviamo verso la conclusione di questo viaggio talmente lungo, che mi ha telefonato James Cameron chiedendo di accorciare un po’.

Artista maschile 2022 – Tananai: partito ultimo, si è imposto tra i primi. Da “Sesso occasionale” alla partecipazione ne “La dolce vita” – tormentone dell’estate – ad “Abissale”, non ne ha sbagliata una. Tornerà a Sanremo accompagnato da una considerazione ben diversa.

Artista femminile 2022 – Ariete:  raccontando la propria generazione, ha concluso l’anno con l’annuncio della partecipazione al Festiva.

Gruppo 2022 – Pinguini Tattici Nucleari: per il tema trattato, credo che “Ricordi” possa essere considerato il singolo dell’anno. Il testo verosimilmente abbiamo cominciato a capirlo nel momento in cui ci siamo chiesti cosa fosse l’Aducanumab.

Abbiamo concluso.  Sperando che abbiate gradito come si gradisce – ancor prima di Natale – un servizio giornalistico su come evitare i chili di troppo durante le Feste, Vi auguro un felice 2023 e, anche per l’anno prossimo, buona radio. 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

Seguici su Whatsapp - Telegram

About Stefano Beccacece 4492 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".