Parenzo il moderato ancora su Gottardo: “Che fine ha fatto quell’emorroide?”

Diciamocelo. Nelle ultime puntate, la cosa migliore ascoltata da casa di David Parenzo sono stati i problemi di connessione.

Diamo seguito al post di qualche giorno fa. Innanzitutto, è giusto sottolineare l’importanza della lettera E come congiunzione. La Zanzara è condotta da Giuseppe Cruciani E David Parenzo. In pratica quest’ultimo – nonostante tenti in ogni modo di prevaricare – sta alla Zanzara come una discoteca sta al lockdown.

Capiamo la necessità di fare lo show tutte le sere, ma avere uno che parla addosso ogni momento rende faticosa la conduzione del titolare, ma anche l’ascolto per chi sta da questa parte. Inoltre, una norma elementare per chi fa radio, è che il messaggio deve essere rivolto all’ascoltatore. La gag degli avvocati padovani e delle “cartuccelle”, dato che è un presunto messaggio in codice per Cruciani, se non avrà uno sbocco, prima o poi finirà per minare l’integrità degli zebedei altrui.

Credevamo, comunque, di esserci persi le scuse di Parenzo ad Alberto Gottardo per avergli dato del “Grassone di mer*a“. Invece ieri sera, il totem dell’anti-radiofonia, nonché moderato e non odiatore, ha pure rincarato. Cruciani – in riferimento alla estenuante gag di cui sopra – Ha affermato: “L’amico padovano che ho è Gottardo, e tu devi chiedergli scusa per le cose gravissime che hai detto. Non sto scherzando”.

Parenzo ha replicato: “Che fine ha fatto quell’emorroide? E’ un poveretto, mi spiace”. Senza contare che sul finire della puntata, rispondendo alle strane convinzioni di Nino da Palermo, ex grillino palermitano, a proposito del Coronavirus – “semplice raffreddore” –  ha aggiunto: “Questo è Gottardo 2 la vendetta“. Che dire? Aridaje. Finché si gioca si gioca, ma a un certo punto sarebbe meglio farla finita.

Parenzo, l’anti-stereotipo, anti-generalizzazione e anti-luogo comune, è quello che: palermitano = arancino e cassata, elettore di destra e/o sovranista = ignorante, razzista. Ed è lo stesso che, dopo aver dato dell’emorroide ad un professionista, passa un istante dopo a farti le pulci se dici culo invece di posteriore. Siamo in presenza di bipolarismo comunicativo.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 3050 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".