La scelta: video, testo e significato del nuovo singolo di Caparezza

A pochi giorni di distanza dalla pubblicazione del singolo Exuvia, Caparezza propone una nuova anticipazione dal suo prossimo album, chiamato proprio Exuvia, in uscita il 7 maggio. Il secondo singolo da questo nuovo lavoro discografico si chiama La scelta: eccone video ufficiale, testo e significato.

Caparezza – La scelta Video ufficiale

Il singolo La scelta è stato pubblicato il 16 aprile e accompagnato sùbito dal videoclip ufficiale diretto da Fabrizio Conte.

Caparezza – La scelta (Testo)

Da grande suonerò la “Pastorale”, ora sul piano resto curvo come un pastorale.
Mio padre è d’umore un po’ grigio, mi vuole prodigio
ma sono solo un bambino e c’è rimasto male.
Padre lascia stare l’alcool, ti rovini, sei severo quando faccio tirocini.
Io sono romantico ma pure tu. Mi vedi solo come un mazzo di fiorini!
Sono Ludovico, culto, mito, donne mi scansano come avessi avuto il tifo.
Troppi affanni, a 30 anni ho perduto udito, tu mi parli e mi pari un fottuto mimo.
Se la mettiamo su questo piano la mia vita ha senso se la mettiamo su questo piano,
quindi prendo lo sgabellino e lascio la corda, canto l’“Inno alla gioia”
perché vedo l’abisso ma su questo, plano.
Scrivo mille lettere, faccio rumore, lotto col silenzio ma ce la farò.
Tengo la mia musica, lascio l’amore, io sarò immortale, la mia amata no.

LEGGI ANCHE  Caparezza data zero ad Ancona: la SCALETTA del Prisoner 709 Tour

E sono contento della scelta che ho fatto. Nemmeno un rimorso nemmeno un rimpianto.
Si, sono contento, che bella scoperta. Non serve nient’altro che fare una scelta.
Patetica, eroica, patetica, eroica, patetica, eroica, questa è la mia vita non dimenticarlo.

Mi chiamo Marco.
Sento il gelo dei riflettori, vorrei rimanerne fuori ma il mondo vuole che vada in tour.
Entro in classifica perché la fama è cieca, così cieca che in fondo non mi riguarda più.
E’ un buon lavoro, incasso da molto, vale come un disco d’oro in cassa da morto,
voglio fissare mio figlio, il tempo passa e m’accorgo
che sto fissando un foglio tipo carta da forno.
Hey, sono Marco, new romantico, sotto palco scompaio, “puff” come borotalco.
Che guaio, bruciano il mio contratto ché il sound è cupo, rarefatto.
Ho preparato un ritiro veloce, la mia famiglia è più importante di un giro di note
e questi parlano, parlano mentre io sto ricucendo la vita con un filo di voce.
E non lascio lettere, niente rumore, amo il mio silenzio e non comprendi quanto.
Grazie per gli applausi ma ho scelto l’amore, questa è la mia vita non dimenticarlo.

LEGGI ANCHE  Caparezza al PalaPanini di Modena: biglietti, orari e scaletta

E sono contento della scelta che ho fatto. Nemmeno un rimorso nemmeno un rimpianto.
Si, sono contento, che bella scoperta. Non serve nient’altro che fare una scelta.
Patetica, eroica, patetica, eroica, patetica, eroica, questa è la mia vita non dimenticarlo.

O continuare gli accordi o game over, Guardare il mondo da sobri o in hangover
Mi dico giocati il jolly, per dove? O Mark o Bee
Casa e famiglia o canzoni e le prove, O con i figli o tra i corni e le viole
Mi dico giocati il jolly, per dove? O Mark o Bee

Caparezza – La scelta (Significato)

La scelta è un brano che mette a confronto due storie molto simili per certi versi ma contrastanti tra di loro: nella prima parte del testo si parla del pianista Ludovico, chiaro riferimento a Ludwig van Beethoven, mentre nei versi successivi viene narrata la storia del cantante Marco, questa volta riferimento a Mark Hollis.

A dare un chiaro significato al testo ci ha pensato lo stesso cantante che ha così parlato di La scelta: “Ho immaginato di trovarmi davanti ad un bivio, due sentieri che si diramano dal bosco, ciascuno sponsorizzato da un guardiano. Il primo è Beethoven, un musicista che ha composto fino alla morte nonostante sia stato continuamente bersaglio delle avversità, nonostante una dannata otosclerosi gli abbia impedito di godere del proprio talento rendendolo sordo a 30 anni per esempio. Un’ostinazione, la sua, che mi ha sempre rincuorato durante le crisi creative. Ovviamente Beethoven mi indica la strada della consacrazione all’arte. Di diversa opinione è l’altro guardiano, Mark Hollis dei Talk Talk, scomparso di recente, personaggio che amo ma che cerca di dissuadermi dal fare della musica la mia ragione di vita. “O faccio il tour o faccio il padre” avrebbe detto durante un’intervista. Mark ha abbandonato i lustrini dello spettacolo nel pieno della sua ascesa, dedicandosi sempre più di rado alla sua carriera discografica“.

LEGGI ANCHE  Info Caparezza live a Arco: biglietti, orari e scaletta

Il cantante, quindi, si trova davanti a un bivio e dovrà scegliere se preferire la vita di Ludovico o quella di Marco. “Adesso tocca a me fare la scelta giusta” ha aggiunto Caparezza in una recente intervista.

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo 3619 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.