Anna Pettinelli contro chi fa le vacanze all’estero: “Scellerati e imbecilli”

Se ieri abbiamo  parlato del post di Linus a proposito della  chiusura delle discoteche, oggi riportiamo le parole di Anna Pettinelli.

Ecco cosa la conduttrice di RDS ha scritto su Instagram: “Aereo. Nessun distanziamento. Con quello che sta succedendo non sono tranquilla. Sto immobile al centro della poltrona cercando di avere meno contatto possibile. Solo un mese fa avrei viaggiato con più leggerezza. Ma è proprio la leggerezza, o se volete l’incoscienza , ad averci riportato in una situazione impensabile. Come sempre chiudiamo le stalle dopo che i buoi sono usciti, eppure siamo stati più lungimiranti degli altri al tempo del lockdown.

Tutti a darci gran pacche sulle spalle “ Come siamo stati bravi noi italiani, diligenti, ordinati.” E poi? Che facciamo? Dai permettiamo la movida, tanto siamo bravi. No non siamo bravi. Comincio a pensare che il senso di responsabilità di quei mesi sia stato un colpo di fortuna , una carezza dall’ Alto. Ma non dovevamo fare tutti vacanze in Italia per aiutare il turismo di casa nostra? Penso a coloro che pur vedendo i terribili numeri dei contagi all’estero se ne sono fregati e sono partiti ugualmente. Tutti in Spagna che fa figo! Cretini. E ora altri soldi ,per fare i tamponi a chi torna a casa da paesi che avremmo dovuto vedere solo in cartolina. Penso a quelli che se ne sono fregati di mascherine e distanziamento e ora sono una minaccia per le loro famiglie , per tutti. Penso a quei genitori che hanno pagato le vacanze dei figli all’estero. Ma che vi dice il cervello?
Scellerati imbecilli, incapaci di dire di no e di far valere la ragione sul capriccio. Mi rimbomba nella testa la frase “ Non ce n’è Coviddi” che ho sentito urlare l’altro giorno da un gruppo di ragazzi. Forse era solo ripetere una battuta idiota, forse era un irresponsabile grido di battaglia. Andrà tutto bene. E chi può dirlo ormai”.

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 2593 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".