A “La Zanzara”, un nuovo personaggio, il “Demone Scimmia”, l’uomo che ha “Geolocalizzato Atlantide”

Il popolo della Zanzara vuole Demone scimmia libero

 

Oltre a Mauro da Mantova, Donato da Varese, Giovanni da Reggio Calabria, c’è un nuovo “personaggio” a “La Zanzara” di Radio 24. Si tratta di Luca da Cuneo, l’uomo che sostiene di aver “geolocalizzato Atlantide” coi carabinieri di Alassio e di essere un informatore dell’intelligence. Il suo nome in codice è “Demone Scimmia“.

Ha minacciato un pedofilo con una mannaia, ed è per questo che si trova in comunità con un amministratore di sostegno, anche se sostiene di aver diritto ad alcuni miliardi di euro per poter aprire una propria agenzia investigativa: “In comunità c’è uno che ha mangiato un pezzo del cuore del padre della madre”.

LEGGI ANCHE  Il "popolo della Zanzara" vuole Demone Scimmia libero

Però, secondo l'”agente segreto che ha fatto arrestare diversi terroristi islamici, ma è saltata la copertura”, Cruciani e Parenzo – secondo l’ascoltatore – hanno ideali di grande bassezza: Cruciani non ama gli animali, mentre Parenzo è contro gli italiani.

Naturalmente il conduttore del programma si è metaforicamente innamorato del trentenne, che però ha commesso l’imprudenza di raccontare i reati commessi dai pazienti dell’O.P.G. da cui non potrebbe telefonare, e da cui non avrebbe dovuto far intervenire un certo “Angelo”. Per questo, in un whatsapp audio ha detto di ritrovarsi col cellulare requisito dalle 18:00 alle 21:00: “Mi sequestrano il cellulare tutte le sere, e potrà ascoltarti solo in podcast senza chiamare: “Demone Scimmia vi protegerà finché potrà. Ha fatto tanto per l’Europa e per il mondo”.  Il Demone Scimmia ha sostenuto inoltre di aver mangiato l’Amanita Muscaria – un tipo di fungo velenoso – e di aver visto in seguito l’anima di Cristo, di Dante  e l’anima di un Tyrannosaurus Rex.

LEGGI ANCHE  Il "popolo della Zanzara" vuole Demone Scimmia libero

Cruciani non poteva non condividere questa battaglia: “Lasciatelo libero, non gli sequestrate il cellulare. Quando parla con noi lo sento vivo”.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1231 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".