Il “popolo della Zanzara” vuole Demone Scimmia libero

In questi giorno, sta raccogliendo diversi attestati di solidarietà da parte degli ascoltatori de “La Zanzara” Luca da Cuneo, alias Demone Scimmia, il ragazzo rinchiuso in un’ospedale psichiatrico che sostiene di aver “geolocalizzato Atlantide”, di essere un informatore dell’intelligence e di aver fato catturare alcuni terroristi dell’ISIS.

Da qualche giorno,  a Luca – che ha minacciato un pedofilo con un’accetta – viene requisito il cellulare durante la trasmissione di Cruciani e Parenzo. Deve limitarsi ad ascoltarla in podcast e ad interagire con dei whatsapp audio. Ma lunedì scorso, all’interno della struttura si sono dimenticati di requisire al ragazzo il telefonino, e così ha potuto intervenire in diretta; diretta nella quale ha detto cose folli – che qui non riportiamo – sull’omicidio di Yara Gambirasio:Mi hanno detto che rischio 2 anni di comunità perché ho chiamato le questure e La Zanzara. Ho captato onde dal regno dei morti e ho aiutato come sciamano  l'”agente Furia” della DIA a catturare un mafioso”.

Dato che più telefona e più dice cose perseguibili ed offensive per qualcuno, il cellulare gli è stato requisito – abbiamo saputo ieri – dalle 17:30: “I veri matti sono gli psicologi. Purtroppo mi hanno beccato. Chiamate la questura di Bergamo e vi parleranno bene di me. Domani chiederò la restituzione, anche se so che non mi ridaranno il telefonino. Ricordatevi che i veri geni sono incompresi“.

Oltre a tutto questo, c’è il sostegno degli ascoltatori. C’è chi propone petizioni per farlo intervenire, e chi addirittura manda messaggi vocali proponendo di andare a Bra – dove si trova la struttura – per andarlo a liberare.  Intanto, per chi volesse realmente saperne di più sui suoi libri, li trovate qui.

LEGGI ANCHE  A "La Zanzara", un nuovo personaggio, il "Demone Scimmia", l'uomo che ha "Geolocalizzato Atlantide"

Stefano-Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

 

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1244 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".