6 aprile: parliamo di un esempio radiofonico, Vanni Biordi

Seguici su Whatsapp - Telegram

Oggi è il quindicesimo anniversario del terremoto che ha colpito L’Aquila e l’Abruzzo nel 2009. Parlando di radio non possiamo non parlare di colui che è stato la voce radiofonica di quel periodo drammatico, colui che dev’essere un modello per gli aspiranti conduttori, ovvero Vanni Biordi.

Dopo alcuni giorni di stop dovuto alla sede inagibile, Radio L’Aquila 1 riesce a ripartire da un container e grazie al sostegno – io l’ho scoperta così – soprattutto di Radio 105. Qui i dettagli. 

La voce del capoluogo abruzzese – in un momento in cui c’è bisogno di tanta informazione ma anche di tanto aiuto a partire dalle cose più elementari, dal paio di mutande in poi – è Vanni Biordi, che aveva compiuto gli anni poche ore prima.

LEGGI ANCHE  Guida programmi radio di venerdì 1 maggio 2015

Vanni e Radio L’Aquila 1 diventano un punto di riferimento del territorio con una decina di ore di diretta ed un popolo, quello aquilano, che in qualche modo dev’essere risollevato. Ed ecco che – coadiuvato da uno staff di psicologi – Vanni apre la diretta con una frase precisa, che potrebbe sembrare in contrasto con la situazione del momento: “Buongiorno, dalla città più bella del mondo“.

Quando ragioniamo sul fatto che lo speaker deve lasciar da parte il proprio stato d’animo una volta al microfono, dobbiamo pensare che Vanni è stato l’esempio più significativo in tal senso. E’ andato in onda cercando di informare ed accompagnare una città – anche attraverso un blog – nonostante anche lui vivesse le medesime difficoltà della popolazione, casa inagibile, tendopoli e quant’altro.

LEGGI ANCHE  Stefano Beccacece di RadioMusik.it intervistato dai Lunatici di Radio 2: "Ecco perché Sanremo 2019 sarà il festival più bello di sempre"

In quei mesi – con una pausa pranzo tra le ore di diretta, scosse permettendo – Vanni cercava di non far perdere la memoria del Capoluogo pre-sisma delle 03:32 e di tenere viva l’idea di normalità (personalmente ricordo un riferimento a un libro ed a un copridivano rosso. Grazie all’ascolto più o meno costante in quel periodo – ovviamente in streaming – ho scoperto perle come questa.

In quel drammatico momento, Vanni, da anni volto televisivo, è stato voce  di una città che non ha abbandonato – ed in cui ha dato una svolta alla propria vita – nonostante abbia avuto la possibilità di lavorare fuori.

LEGGI ANCHE  Guida programmi radio di martedì 30 dicembre 2014

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

Seguici su Whatsapp - Telegram

About Stefano Beccacece 4492 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".