Zoo di 105: chiusa una stagione inevitabilmente anonima: “L’anno prossimo meno ansia e alcune novità”

Quella che si è appena conclusa, è senza dubbio la stagione dello Zoo di 105 che non ricorderemo, se non per la cronaca  che l’ha resa così come è stata.

Se fisicamente c’è bisogno di staccare, probabilmente Marco Mazzoli non vede l’ora di ripartire. Perché questa è stata l’annata più anonima che, soprattutto, non poteva essere molto meglio di così.

Lo stato d’emergenza  ha di fatto bloccato la produzione,, tenendo  a casa mezza squadra, costringendo i conduttori a raschiare il fondo dell’archivio e obbligando Mazzoli,Noise ed Alisei ad inventare rubriche – AlgoMirko e ‘Vinci che hai vinto'” – per allungare il brodo.

Da un lato c’è stata la “missione” di restare in onda sempre, ma dall’altro, c’è stata la quasi impossibilità – dopo il trionfo del ventesimo anno – di proporre contenuti inediti da marzo.

Il conduttore  ha promesso che da settembre ci saranno meno ansia ed alcune novità. Anche se lo stato d’emergenza è stato appena prorogato, ricordiamo che qualche giorno fa Mazoli per l’anno nuovo ha promesso qualcosa che renderà gli ascoltatori “molto felici”.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 2579 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".