Radio Deejay: quarantuno anni alimentati dal coinvolgimento del pubblico

Seguici su Whatsapp - Telegram

Radio Deejay compie oggi quarantuno anni. Non serve star qui a fare una cronistoria della sua evoluzione. Sappiamo che a fondarla è stato Claudio Cecchetto, e che in principio aveva una vocazione musicale ed internazionale. La programmazione odierna sarà dedicata al 1982.

Numerosi sono inoltre i personaggi che ne hanno fatto parte e sono diventati delle star: Albertino e Linus sono rimasti prettamente radiofonici, mentre Amadeus, Gerry Scotti, Fiorello e Jovanotti – per citarne alcuni – hanno sfondato in altri settori dello spettacolo.

Radio Deejay è diventata grande  grazie alla lunga serie di campioni che ha formato in quarantuno anni di attività, ed oggi mette gli ascoltatori sempre al centro con mille iniziative. Si va dalle canzoni di Natale, alle varie edizioni della Deejay Ten, fino alle feste. 

LEGGI ANCHE  Minuto di silenzio per commemorare le vittime del Coronavirus: stavolta ognuno è andato per la sua strada

Superata la Pandemia, Deejay ha riaccolto e ritrovato “fisicamente” i propri fan quest’estate al Parco Sempione. Non contenti, a Via Massena hanno pensato anche alla Festa di Natale. In questi giorni è, peraltro, in corso la riedizione del “Follow Deejay“.

La costante ricerca del contatto dal vivo, rende l’emittente di Via Massena un esempio di unione tra staff e ascoltatori fatta non a parole.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Seguici su Whatsapp - Telegram

About Stefano Beccacece 4500 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".