Ma perché Young Signorino ha tanto successo?

Young Signorino – 19 anni, all’anagrafe Paolo Caputo da Cesena – sta diventando (realmente) u fenomeno, a causa del nuovo genere chiamato ‘trap’. Si tratta di un ragazzo che ha già rischiato di morire a causa di un’overdose da psicofarmaci, già padre nonostante la giovanissima età, che ritiene di essere figlio di Satana, nonché il nuovo Marilyn Manson. Si tenga presente che – con l’arrivo della mezza età – nel frattempo Manson sta gradualmente uscendo dal personaggio.

Ma tornando al Signorino – che nei giorni scorsi è stato bannato da Instagram – tutti sanno che è diventato un fenomeno del web grazie alle ultime produzioni, da ‘Mmh ha ha ha’, a ‘Dolce droga’, sino alla più recente ‘La Danza dell’ambulanza’.

I suoi testi sono – per usare un eufemismo – assai ermetici, e quel poco che traspare, è un costante inneggiare all’abuso di sostanze stupefacenti cosa che per altro ha più o meno smentito in un’intervista concessa a Rolling Stone. Ma Signorino è stato notato anche da chi nella musica conta, tanto che l’ultimo singolo è stato prodotto nientemeno che da ‘Big Fish‘; un qualcosa che certamente non avrà fatto piacere ai puristi del rap.

Per altro, lo stesso Fish ha elogiato così il trapper a Rolling Stone: “L’avevo notato sul web, dopo il primo giorno di stupore, ho capito che poteva essere qualcosa di nuovo nel panorama musicale italiano. Mi sembrava molto intelligente ciò che sta facendo, contrariamente a quello che si pensa, e quindi ho deciso di contattarlo. Mi ha fatto una bellissima impressione, è molto più a fuoco di tanti altri che vengono in studio da me e non sanno che dire, come muoversi. Lui sa bene dove vuole arrivare con la sua musica e come vuole farlo. L’ho trovato molto più determinato di tanti altri”.

Ma il “successo”, o meglio, l’attenzione di cui Caputo gode, è dovuta alla principale parola chiave di questo millennio, ovvero Visualizzazione. I fenomeni della rete – indipendentemente dai messaggi che lanciano – diventano immediatamente oggetto d’interesse per i media e per i personaggi pubblici che pensano di poter ottenere visibilità di rimbalzo. Per altro, difficilmente le “wiews” sono sinonimo di bravura, anzi. Spesso Youtube attira utenti per un atto di curiosità.

Si va alla parodia di Dolcenera, ai post sui social di Gianni Morandi che del resto – ne è prova il featurind concesso a Rovazzi – nonostante sia uno dei personaggi più in vista sui  social, non disdegna di citare i personaggi del momento.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1228 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".