I Lunatici di Radio2: all’improvviso un Sotirios

All’improvviso, nella scorsa puntata dei “Lunatici di Radio2” si è palesa Massimiliano, o meglio Sotirios, un personaggio che si definisce laureato e parrebbe vivere con uno zoo.

Il dialogo da filosofico si è spostato su un piano biecamente materiale: “Che titolo di studio avete? Quanto prendete al mese? Io parlo ma la gente non me sente“. 

Se siete nostri lettori,  sapete che questo blog si nutre di gente strana: basti pensare a Mauro da Mantova o Donato da Varese de La Zanzara, o – rimanendo ai Lunatici – all’investigatore privato o a chi deve ricevere svariati miliardi di euro da Juncker.

Sotirios ha avuto – a differenza degli altri ascoltatori – una seconda chance nella stessa serata, ma se l’è giocata malissimo, definendo coloro che chiamano “quattro poveracci”. Grave errore, perché a Roberto Arduini per mantenerlo calmo non bisogna fare due cose: mettergli in discussione la scaletta e criticargli il pubblico.

Naturalmente è – nuovamente – il senso di comunità dei Lunatici, e forse parlarne dà al soggetto una visibilità; ma potevamo forse distrarci da un fenomeno trash? Ma Sotirios è: “la cultura vera”, mentre Arduini e Di Ciancio sono: “subcultura”. Ma come si fa a dire che Ardiuini e Di Ciancio sono meravigliosi?

E’ sostanzialmente inutile tentare di confutare gli sproloqui di un personaggio che si eleva rispetto a “quei quattro deficienti che te chiamano”, e che intanto chiama per spiegarti che “Se io ho una compagna o dei figli, non chiamo voi due, chiamo mia moglie”. Segnaliamo solo che tale telefonata – ci proverà di nuovo? – è avvenuta in una serata in cui si parlava di trascendentale, di Elettra Lamborghini che sostiene di parlare con Dio e di altri strani fenomeni.  Qui trovate l’accaduto.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1770 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".