Disclosure in concerto a Milano: recensione, foto e scaletta

Quando vieni a scoprire che Guy e Howard Lawrence, i componenti dei Disclosure, hanno rispettivamente 23 e 20 anni ti senti vecchio, e non solo anagraficamente parlando: il duo elettronico che ha fatto impazzire l’Inghilterra è sbarcato poche ore fa all’Alcatraz di Milano, spazzando via tutti i limiti dello spazio tempo dance ai quali siamo abituati, chiarendo in maniera definitiva che no, il 1990 non è più dieci anni fa.

I Disclosure, nel loro breve ma intenso percorso artistico, hanno preso il meglio del decennio in cui sono nati, quegli anni novanta sempre un po’ lounge e naïf, e ne hanno tirato fuori un prodotto esplosivo e trascinante, molto distante dalla tamarrirudine alla Guetta o alla più recente gigioneria dei Daft Punk: nel loro sound non c’è infatti spazio per auotocompiacimenti, al contrario c’è una ricerca di nuova sperimentazione che però è solidamente legata al passato.

LEGGI ANCHE  La canzone della pubblicità Omega Ladymatic con Nicole Kidman (video spot)

Nel breve set offerto nella capitale meneghina, i due hanno regalato al loro pubblico quanto detto finora in una veste finalmente live, accompagnata per la prima volta da basso, pianole, batteria elettronica a 1500 strumenti, oltre chiaramente alla loro fondamentale console: uno dopo l’altro, sono stati proposti tutti i brani che li hanno portati al successo, dalla fenomenale doppietta iniziale di F for you/When the fire starts to burn alla stupenda Voices passando per la pesantissima garage di Running, What’s in Your head e il gioiello pop di White Noise.

A concludere la serata arrivano invece il ritmo pacato e romantico di Help me lose my mind, tanto particolare da sembrare una b-side dei Royksopp, e infine il capolavoro Latch, da più parti definita come una delle canzoni più belle di tutto il 2013.

LEGGI ANCHE  Mary J. Blige e i Disclosure collaborano nel remix di F for you (video e testo)

Sappiate che se queste sono le premesse, il Regno Unito potrebbe avere fra le mani  i nuovi Prodigy, magari un po’   più  ripuliti.

Ecco a voi gallery e scaletta completa del concerto.

Scaletta

F for You
When a Fire Starts to Burn
Boiling
Tenderly
Flow
You & Me
Stimulation
Grab Her!
White Noise
Voices
What’s in Your Head
Confess to Me
Apollo
Running (remix)
Running (V.I.P. Remix)
Help Me Lose My Mind
Latch

Commenti Facebook

commenti

About Alberto_Muraro 873 Articles
Seguitemi su Twitter: @alb_simultaneo