David Gilmour Tour Italia: biglietti, date concerti, scaletta e biografia

Seguici su Whatsapp - Telegram

David Gilmour, celebre cantante e chitarrista e uno dei membri dei Pink Floyd, nel corso degli anni ha portato avanti anche la sua carriera da solista. Nel 2024 uscirà il suo nuovo album Luck and Strange al quale seguirà, dopo ben otto anni, un nuovo tour. Vediamo insieme date e dove comprare i biglietti della tournée dell’artista.

Discografia David Gilmour

1978 – David Gilmour
1984 – About Face
2006 – On an Island
2015 – Rattle That Lock
2024 – Luck and Strange

David Gilmour in Italia nel 2024

27, 28, 29 settembre + 1, 2 e 3 ottobre 2024 | Roma, Circo Massimo

Biglietti David Gilmour Ticketone

I biglietti del tour di David Gilmour si trovano in vendita su Ticketone e nei punti autorizzati abituali a partire dalle ore 9.00 di venerdì 17 maggio. Non appena disponibili li trovate qui.

LEGGI ANCHE  L’anima vista da qui dei Negramaro: lo streaming di Raiplay

Scaletta David Gilmour

Scaletta 2016

5 A.M.
Rattle That Lock
Faces of Stone
What Do You Want From Me
The Blue
The Great Gig in the Sky
A Boat Lies Waiting
Wish You Were Here
Money
In Any Tongue
High Hopes
One of These Days
Shine On You Crazy Diamond (Parts I-V)
Fat Old Sun
Coming Back to Life
On an Island
The Girl in the Yellow Dress
Today
Sorrow
Run Like Hell

Time
Breathe (Reprise)
Comfortably Numb

Bio e Storia di David Gilmour

David Jon Gilmour (nato il 6 marzo 1946 a Cambridge, Inghilterra) è un musicista britannico leggendario. Ha indossato molti panni nel corso della sua carriera: cantautore, polistrumentista, compositore e produttore discografico di enorme talento. Ma è soprattutto per il suo ruolo nei Pink Floyd che è conosciuto e riverito in tutto il mondo.

Primi anni e l’ingresso nei Pink Floyd (1946-1968)

Nato a Cambridge, Gilmour ha sviluppato la sua passione per la musica sin da giovane. Conobbe Syd Barrett, un compagno di college, e insieme mossero i primi passi nel mondo della musica suonando la chitarra. Un’amicizia che lo porterà dritto nella storia del rock.

LEGGI ANCHE  David Gilmour - Yes, I have ghosts: video e data di uscita

Nel 1968, infatti, si unì ai Pink Floyd, allora un gruppo psichedelico guidato dal carismatico Syd Barrett. Purtroppo, Barrett iniziò a mostrare problemi psichici che lo costrinsero ad abbandonare la band. Gilmour prese così il suo posto come chitarrista e voce principale, segnando l’inizio di una nuova era per i Pink Floyd.

Il successo planetario con i Pink Floyd (1968-1995)

Con Gilmour alla guida, i Pink Floyd entrarono in una fase di straordinaria creatività. Il suo stile chitarristico unico, caratterizzato da un tocco melodico e un uso sapiente degli effetti, divenne un marchio di fabbrica della band. Album come “Dark Side of the Moon”, “Wish You Were Here”, “Animals” e “The Wall” ottennero un successo planetario, facendo dei Pink Floyd una delle rock band più influenti di tutti i tempi.

LEGGI ANCHE  Info David Gilmour live a Firenze: biglietti, orari e scaletta

Oltre i Pink Floyd: la carriera solista (dal 1978)

Nonostante il grande impegno con i Pink Floyd, Gilmour intraprese anche una carriera solista di successo. Pubblicò diversi album in studio che riscossero ottimi consensi, come “David Gilmour” (1978) e “On an Island” (2006).

Scioglimento e reunion dei Pink Floyd (1995-2014)

Dopo la pubblicazione dell’album “The Division Bell” nel 1994, i Pink Floyd si sciolsero di fatto a causa di tensioni interne, soprattutto con il bassista Roger Waters. Gilmour continuò a portare avanti la sua carriera solista e si dedicò anche a progetti benefici. Tuttavia, nel 2014, Gilmour e il batterista Nick Mason si riunirono per pubblicare l’album “The Endless River”, che ottenne un grande successo commerciale.

A distanza di ben nove anni dall’ultimo lavoro in studio da solista, nel 2024 un po’ a sorpresa Gilmour ha pubblicato Luck and Strange e annunciato un nuovo tour.

Seguici su Whatsapp - Telegram

About Andrea Izzo 4371 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.