Zitti e buoni: i Maneskin rilasciano la versione Eurofestival: video, testo e significato

I Maneskin hanno recentemente trionfato al Festival di Sanremo con il brano Zitti e buoni. Un singolo che anticipa il nuovo album del gruppo Teatro d’ira Vol.1 che uscirà ufficialmente il prossimo 19 marzo.

Maneskin – Zitti e buoni Video ufficiale

Di seguito il video ufficiale di Zitti e buoni seguito dalla versione editata per l’Eurofestival, in modo da rispettare la durata massima regolamentare di 3 minuti.

Maneskin – Zitti e buoni (Testo)

Loro non sanno di che parlo
Voi siete sporchi fra’ di fango
Giallo di siga’ fra le dita
Lo con la siga’ camminando
Scusami ma ci credo tanto
Che posso fare questo salto
Anche se la strada è in salita
Per questo ora mi sto allenando
E buonasera signore e signori
Fuori gli attori
Vi conviene toccarvi i coglioni
Vi conviene stare zitti e buoni
Qui la gente è strana tipo spacciatori
Troppe notti stavo chiuso fuori
Mo’ li prendo a calci ‘sti portoni
Sguardo in alto tipo scalatori
Quindi scusa mamma se sto sempre fuori, ma
Sono fuori di testa ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa ma diversa da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Io
Ho scritto pagine e pagine
Ho visto sale poi lacrime
Questi uomini in macchina
Non scalare le rapide
Scritto sopra una lapide
In casa mia non c’è Dio
Ma se trovi il senso del tempo
Risalirai dal tuo oblio
E non c’è vento che fermi
La naturale potenza
Dal punto giusto di vista
Del vento senti l’ebrezza
Con ali in cera alla schiena
Ricercherò quell’altezza
Se vuoi fermarmi ritenta
Prova a tagliarmi la testa
Perché
Sono fuori di testa ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa ma diversa da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Parla la gente purtroppo
Parla non sa di che cosa parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
Parla la gente purtroppo
Parla non sa di che cosa parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
Parla la gente purtroppo
Parla non sa di che cazzo parla
Tu portami dove sto a galla
Che qui mi manca l’aria
Ma sono fuori di testa ma diverso da loro
E tu sei fuori di testa ma diversa da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Siamo fuori di testa ma diversi da loro
Noi siamo diversi da loro

LEGGI ANCHE  Billy Corgan al Santeria di Milano: concerto annullato

Maneskin – Zitti e buoni (Significato)

Zitti e buoni è un brano che si presenta con un vero e proprio manifesto di chi vuole andare avanti facendo tesoro della propria unicità, tentando di mettere a tacere (come si evince dal titolo) tutti coloro che parlano troppo e usano le parole solo per attaccare gli altri.

Un concetto che viene messo in chiaro già dalle prime parole del testo: “Loro non sanno di che parlo
Voi siete sporchi fra’ di fango, Giallo di siga’ fra le dita, Lo con la siga’ camminando, Scusami ma ci credo“. Il testo, poi, prosegue con un ritornello con il quale i Maneskin cantano della diversità, concepita come valore aggiunto (“Sono fuori di testa ma diverso da loro. E tu sei fuori di testa ma diversa da loro.
Siamo fuori di testa ma diversi da loro. Siamo fuori di testa ma diversi da loro“).

LEGGI ANCHE  Video X Factor: i Måneskin

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo 3605 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.