Tra tutti i matti recenti della Zanzara spicca Carla Beatrice

Mentre sappiamo che i terremoti aumenteranno – predicatore Paolo – mentre ancora si parla della lite tra David Parenzo e Paolo Brosio: “che botta, famme sentì l’AIFA”, e mentre Giuseppe Cruciani da una settimana fa una personale battaglia contro i water nei treni, sono comparsi diversi nuovi elementi nel circo di Radio 24, in particolare nella puntata di martedì.

Dapprima arriva Guido da Viterbo, che – siccome ha i figli ‘obbligati’ a vaccinarsi – se succedesse loro qualcosa, sarebbe capace di usare un coltello da cinghiale per ‘fare molto male’, edulcoriamo, a qualche esponente del Governo.  Di fronte all’atteggiamento forse eccessivamente conciliante di Cruciani, Parenzo lascia temporaneamente lo studio e quasi la sede. Tutto ciò ha fatto sembrare Mauro da Mantova un democristiano coi capelli simpatici.

Ma la vera protagonista è – da alcuni giorni – Carla Beatrice, con la sua voce satanica. Tale ascoltatrice aveva,  cosa riscoperta dopo una segnalazione e una ricerca d’archivio, già telefonato alcuni anni fa raccontando di aver avuto una relazione con l’Avvocato Agnelli. Qualche giorno fa si è guadagnata da parte di Parenzo l’appellativo di “Vecchia-Nazi”.

Carla Beatrice ha detto: “Noi non c’entriamo con gli ebrei morti in Germania. Eravamo in guerra”. E ancora: “Cafone di un….che rubi i soldi all’Italia. Voi siete miliardari, noi non avevamo i campi “.

Quando Cruciani chiede: ‘La posso salutare o la devo mandare a fare in c…..’,  la signora risponde: “Il c….o ce l’ho ancora vergine a 77 anni, non vado di corpo per quanto è stretto”.

Tutto questo evidente astio, a causa della vendita di un cucciolo di cane a “una ebrea” che, una volta ammalatosi il cucciolo, avrebbe preteso la restituzione della cifra conferita o il regalo di un altro cane.  Ma: “se continua a darmi della fascista, io la rovino caro signor ebreo”.

 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 3227 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".