The Voice of Italy in diretta su Rtl 102.5. E’ polemica per i diritti non dati a Radio Rai

Sta per iniziare il nuovo talent show “The Voice of Italy” che andrà in onda con la prima puntata questa sera su Rai Due e che vedrà protagonisti non solo tutti i concorrenti, ma anche i quattro coach ovvero Noemi, Raffaella Carrà, Riccordo Cocciante e Piero Pelù. Ma le polemiche sono già numerose e in particolare riguardano i diritti radio che sono stati assegnati a sorpresa a RTL 102.5.

In casa Rai insomma preferisco dare del materiale alla concorrenza piuttosto che pensare di modernizzare le proprie frequenze radio che ricordiamo sono su ben tre differenti canali. Cosi la colpa ricade tutta sui vertici aziendali, come accusa l’Usigrai (Unione Sindacale Giornalisti Rai) nel suo comunicato stampa dal titolo “Siamo all’autolesionismo” e che riporta quanto segue:

LEGGI ANCHE  The Voice of Italy Live: Gianmarco Dottori canta Un tempo piccolo (video)

“Siamo sbigottiti leggendo la rassegna stampa di oggi. Lancio in grande stile del nuovo programma in prima serata di Rai2 “The Voice of Italy”. Partner ufficiale radiofonico: RadioRai? No, uno dei principali concorrenti privati dell’azienda di Viale Mazzini. Siamo ormai all’autolesionismo. Si parla di rilancio aziendale, produzioni interne, crossmedialità, e poi invece di valorizzare RadioRai, si stringono alleanze con la concorrenza. Errori simili ad altri commessi in passato e puntualmente denunciati dall’Usigrai. Chi ha preso la decisione? Da Viale Mazzini qualcuno dia spiegazioni. Temiamo però che non saranno convincenti”.

E così stasera chi non potrà seguire il programma in tv, si ricordi che ci sarà anche un diretta radio. E si ricordi pure che nonostante sia un prodotto Rai, sarà RTL 102.5 a trasmettere il programma a partire dalle ore 21 con ai microfoni Gigio D’Ambrosio, Laura Ghislandi, Angelo Baiguini e Gabriele Parpiglia.

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo 2492 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.