RDS Academy: l’abnegazione è nulla senza talento

Sabato scorso sono andati in onda altri due episodi della edizione 2018 della RDS Academy. Sono usciti i favoriti delle prove mostrate: Giovanni sugli scherzi telefonici, e Isabella – detta anche “Confort zone” per la sicurezza che mostrava prima della prova – sulla Top Five.

Il concetto che sta emergendo in questa edizione è che il talento è la base su cui si può costruire l’apprendimento, ma non il contrario. A tratti Lorenzo sembra praticare “un altro sport”. Ha vinto due prove di fila eppure è un mago. L’impressione è che se nei prossimi episodi non farà scivoloni, porterà a casa il contatto perché in finale la classifica si annullerà e i giudici faranno valutazioni sull’intero percorso.

LEGGI ANCHE  Dal 16 settembre la RDS Academy, intanto ci si allena con la "Sfida al conduttore"

Davide sta compiendo una risalita strepitosa, però ha una cuffia nera nella prova musicale, e in ultimo, se la sentirebbero i giudici di far vincere due veneti di fila? E Mirko? Confermiamo la metaforica adorazione per il comico ligure, ma non ha la attitudine ala conduzione: gli servirebbe un contesto in cui ci sia uno speaker “serio”  che faccia da conduttore e spalla per innescare la sua comicità. Nelle varie prove è sempre costante, e con un piccolo salto di qualità può puntare al secondo posto, riconoscimento simbolico.  Indubbiamente fa ridere ogni volta che apre bocca.

E poi c’è l’ultima donna del gruppo la cuffia di platino della Pettinell ovvero Isotta, che merita una riflessione: la radio, è uno di quei mestieri che si imparano a patto che ci sia della predisposizione, così come – una volta imparata a memoria una formula matematica,occorre intelligenza per applicarla,  così come nel calcio, leggere manuali e parlare con mille tecnici a poco serve se non si ha l’attitudine al palleggio.

LEGGI ANCHE  Al via su Sky la RDS Academy con la terza edizione

E così sembra che Maffucci e Vernia – per quel che si è visto finora – avessero ragione, e in tal senso,il “Se vuoi saperlo mi hai stufato” della Pettinelli ha poca logica. Dopo il primo scoglio, che necessitava di studio, memoria e apprendimento, sono parse evidenti carenze nell’improvvisazione e nell”istinto” dello speaker, o meglio, in tutte quelle situazioni che hanno richiesto qualcosa che non fosse scritto negli appunti. La sensualità vocale – poi – è un’arma importante in radio, ma non può certo essere unica e perenne.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1374 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".