Quando scopri “Chiamata a carico” non puoi farne a meno

Proprio quando ti convinci che i programmi di scherzi telefonici siano troppi e per certi versi ripetitivi, rispunta su Radio Globo (18:00-20:00) “Chiamata a Carico” e ti folgora.

Per i fedelissimi della radio sarà pure un programma “storico”, ma per chi risiede ben al di fuori del Lazio – tipo il sottoscritto – può rappresentare una scoperta inalienabile. 

Conduce Massimo Vari, quello di “Vari on the radio”, ma anche quello della frase scritta ovunque ai tempi della polemica fra Roberto Marchetti e gli infermieri “perché voi non sarete mai come Vari, Paniconi e Nandone”.

Insieme a lui ci sono Gabry Venus e Riccardo Di Lazzaro, con quest’ultimo che esercita più o meno volontariamente il ruolo di vittima sacrificale – ma anche di frugale Benedetta Parodi – del programma.

La passione per “Chiamata a carico” coincide certamente con un lieve appannamento de “La Zanzara”, ma c’è un fattore che distingue la trasmissione di Vari e soci da  altri contenuti simili.

Mentre “Tutti pazzi per RDS” O “A me mi piace” (Radio 105) si basano prevalentemente su  personaggi predefiniti, in “Chiamata a carico”  la fantasia è straripante, e c’è la capacità di inventare scherzi ad hoc – meglio se le vittime non conoscono il programma – confezionati grazie alle storie descritte nei dettagli dagli ascoltatori che decidono di aderire tramite questo form.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 2660 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".