Primi accenni alla “One Dance” di Dino Brown: le parole d’ordine per ora sono app, DAB e streaming

In un video pubblicato sulla propria pagina Facebook,Dino Brown – nuovo direttore di “One Dance” – ha iniziato a delineare il proprio corso: “Faccio questo video per dirvi grazie per tutti i messaggi che sono arrivati per la nuova esperienza su One Dance da lunedì 9 settembre col mio nuovo programma, “All You Can Dance“, che avrà al proprio interno “La storia della Dance”, mica vi lascio senza anni Novanta”.

L’approdo di Dino Brown permetterà all’emittente di aumentare ggli spazi parlati, dato che oggi è sostanzialmente fatta di contenitori musicali che si susseguono durante la giornata, rendendo – per altro – la radio parecchio dinamica e veloce. Per citarne alcuni, troviamo “Matinée”, che all’interno ha “C90”, con 3 pezzi anni Novanta di fila; poi possono essere nominati “No Spot Zone” e “Sun Beats”.

Sprazzi di parlato si trovano nei quarti d’ora di “One Story – La Storia della Dance” ma sinora la scelta editoriale è stata più estrema di quanto potesse essere quella della m2o di una decina d’anni fa.

Attualmente, il sito è veramente minimale, anche nella versione elvetica, ma da settembre partirà il nuovo palinsesto: “Metteremo il podcast di tutto quello che faremo, non solo ‘All You Can Dance’, ma di tutti i contenuti. Così arrivi a casa, e ascolti il podcast quando vuoi. Ci saranno tutti i tipi di musica. Sarà una radio completa, ma, ma con un’anima Dance. Non mancheranno interviste e tante altre cose, ma non posso dirvi tutto”.

Punto dolente – per ora – di Onedance.fm è la copertura sul territorio. Sicuramente, già prima dell’approdo del nuovo direttore, questa emittente è stata una delle “mete” predilette dagli orfani di m2o, ma per ora ci sono solo una ventina di frequenze delle quali una quindicina in Lombardia, 3 in Liguria, una a Torino a quattro in Sicilia con la recente attivazione a Mazzara del Vallo. E poi c’è la Svizzera.

Per il momento: “Mi dicono, ‘Dalle mie parti non si sente come faccio?’. Come fai? Puoi. Io capisco che in tante regioni non arriva, a si può fare. Scaricate l’app. Ci potete ascoltare comodamente da PC. C’è il DAB e prima o poi arriveremo in tutta Italia anche con le frequenze”.


Dino Brown sarà coadiuvato nella direzione artistica da Simone Baldo, mentre nel programma non mancheranno Martinelli –  DJ senza capelli etichettato di essere alcolizzato, drogato, incarcerato e tante altre cose negative – e Valeesse.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 2820 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".