Pillon su Zucconi: ma dire la propria era obbligatorio?

Di domenica mattina è la notizia della scomparsa dello storico direttore di Radio Capital Vittorio Zucconi. Ciò che non poteva prevedersi era che un senatore – Simone Pillon della Lega, noto per le posizioni estreme su aborto ed affido condiviso – decidesse di esprimere cordoglio in modo poco rispettoso.

A settembre nel TG Zero si era accesa una sorta di “rissa verbale” tra Pillon e Zucconi: “Perché ce l’ha con l’autonomia delle donne?”, “Questa non è una domanda seria”.

Accade così che – a poche ore dalla scomparsa del giornalista di “Repubblica”, Pillon se ne esca con questo post: “Ho appreso la notizia della morte di Vittorio Zucconi. Prego per lui, perché al di là delle inutili e faziose celebrazioni di Repubblica, si salvi l’anima. Ora, dove si trova, vede tutto molto più chiaramente”.

Massimo Giannini – successore alla direzione di Capital dello stesso Zucconi – replica: “Questo signore è un miserabile e Vittorio non ha bisogno delle sue preghiere. Provvederà da solo alla cura della sua anima senza l’aiuto peloso di Pillon”.

LEGGI ANCHE  Morto l'ex direttore di Radio Capital Vittorio Zucconi

Chiusa qui? No. Perché arriva la contro-reazione di Pillon: “VIETATO PREGARE Vorrei dire ai giornalisti radical chic che non perdono mai l’occasione di riflettere e di tacere, che i cristiani pregano e credono nell’esistenza dell’anima. Si, io prego. E ho pregato anche per Vittorio Zucconi. Questa la mia grave colpa che ha scatenato tante ire: una preghiera. Ho scritto “al di là delle inutili e faziose celebrazioni di Repubblica”, perché l’unica strumentalizzazione l’ha fatta proprio Repubblica, che è arrivata perfino ad utilizzare la notizia della morte di una persona per darmi del pigmeo. Quindi consiglio, ai tre, quattro giornaletti online che fomentano polemiche e dietrologie assurde, di provare a fare meglio il loro mestiere. Una preghiera non ha mai fatto male a nessuno”.

Vorremmo sapere a questo punto, dato che la morte di un uomo è divenuta oggetto di un dibattito partito dai social e rapidamente scaduto: dire la propria – invece di far prevalere il silenzio, visto il ruolo istituzionale che si ricopre – era proprio necessario?

LEGGI ANCHE  Massimo Giannini: "Zucconi scriveva da Dio perché raccontava da Dio"

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 2381 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".