Perché i Greta Van Fleet si chiamano così

Perché i Greta Van Fleet si chiamano così? E chi sono i quattro componenti della gruppo americano formatosi nel 2012 a Frankenmuth?

La formazione attuale del gruppo conta Joshua Kiszka alla voce e chitarra, Jacob Kiszka alla chitarra, Samuel J. Kiszka al basso e alle tastiere e Daniel Wagner alla batterie. La band, però, era stata fondata dai tre fratelli Kiszka e dal batterista Kyle Hauck che, successivamente, ha deciso di lasciare il gruppo nell’ottobre del 2013.

Perché il nome Greta Van Fleet

Il nome del gruppo si rifà al nome e cognome di una persona, esattamente Gretna Van Fleet. L’idea nacque proprio quando uno dei membri sentì chiamare la signora in questione che, con il suo benestare, venne non solo adottato come nome del gruppo ma anche modificato nel più semplice Greta Van Fleet.

Ma chi è esattamente Gretna Van Fleet: ex segretaria di studio medico , la donna è attualmente in pensione e ha circa 80 anni e abita a Frankenmuth (che è il luogo natio dei fratelli Kiszka), piccolo centro rurale del Michigan che, come si può intuire dal nome che gli è stato attribuito negli anni (Little Bavaira), è popolato per lo più da cittadini di origini tedesche.

I fratelli Kiszka e Kyle Hauck si trovavano nel loro studio, riuniti per scegliere il nome del loro gruppo che era prossimo alla prima esibizione sul palco di un piccolo festival locale. In studio passò a trovarli il nonno di Hauck che, prima di congedarsi, disse: “Vado a tagliare un po’ di legna dalla signora Gretna Van Fleet, ci vediamo dopo le prove“. Da qui l’idea di prendere il nome della signora Van Fleet che, come lei stessa ha raccontato in una recente intervista, diede il benestare al gruppo: “Non credevo sarebbero durati molto con questo nome assurdo” ha poi raccontato la donna.

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo 3290 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.