Ora o mai più, Naturale: la semplicità di essere Davide De Marinis

Quando abbiamo ascoltato l’inedito di Davide De Marinis durante la puntata di “Ora o mai più” ci è venuto in mente che “Naturale” potrebbe essere un tormentone estivo.

Non ci sarebbe nulla di strano:  De Marinis non è nato per risultare la voce più bella del secolo e il cantante più importante del dopoguerra. Ha sempre piazzato pezzi semplici ma efficaci: canzoni facili da memorizzare  e canticchiare.

Basti pensare non solo a “Troppo bella” ma anche a “Gino” che ha perso la testa e “Chiedi quello che vuoi”.  Certo: l’abbinamento con Fausto  Leali pareva favorevole per la conoscenza reciproca fra i due, ma un po’ meno a livello vocale. Però De Marinis si è guadagnato – in un’edizione contraddistinta da svariate polemiche – il ruolo di personaggio simpatico e costantemente positivo con “Bellini” e “Belli miei”.

Insomma: in un’epoca nella quale pure i trapper sfoderano una certa tracotanza, un semplice De Marins potrebbe tranquillamente avere il suo posto nella programmazione delle radio, sia per chi già lo conosceva sia per chi lo ha visto per la prima volta da Amadeus.

Una omanda resta a fare: chissà come si comporta Davide De Marinis quando si trova imbottigliato nel traffico.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1433 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".