Marco Mazzoli: “Il Covid ti isola, ti preoccupa e non ti lascia certezze. Però io non mollo un c…”

Due giorni fa lo Zoo di 105 ha ospitato Gabriele Rossetti, ribattezzato “Paziente 105“.  Nel frattempo il conduttore Marco Mazzoli, sta raccontando l’evoluzione del suo caso.

Spiegando che il virus si sta facendo sentire sempre più incisivo, dopo dei primi giorni di relativa tranquillità,Mazzoli ha spiegato che non si tratta – a differenza di una normale influenza – di un percorso lineare e logico.

Già giovedì aveva specificato che la preoccupazione è data principalmente dal fatto che non esiste una terapia di sicuro successo.

Le sue parole: “Che storia sto Covid! Nel mio caso è iniziato molto blando, pochi sintomi (perdita totale di olfatto e gusto), naso tappato, ma secco… La prima settimana sembrava tranquilla, poi ieri è esploso… Febbre alta, fiato corto e dolori al petto!A differenza di una normale influenza, con sintomi più o meno stabili, sto balordo continua a cambiare! La cosa assurda è che ci sono mille teorie, tantissima confusione, nessuno ti sa consigliare la cosa giusta da fare o le medicine da prendere! Sei solo, isolato, un po’ preoccupato e speranzoso che passi velocemente!Questo weekend me lo passo a letto, riprendo le forze per Lunedì, perché non si molla un ca**o“.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

 

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 2668 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".