m2o: le reazioni social di chi sta per andarsene

COSA STANNO INSEGNANDO GLI ULTIMI GIORNI DI M2O?

 

Il nuovo corso di m2o sotto la direzione artistica di Albertino prevede una totale rivoluzione che sostanzialmente porterà nei prossimi giorni alla cancellazione di tutti i programmi più amati dell’emittente.

Il nuovo direttore artistico ha già provveduto a fare le prime mosse e nel frattempo sta spiegando come verrà rivoluzionato il palinsesto in interviste come quelle rilasciate a Libero o a DJ Mag.

E nel frattempo, chi sta per andarsene – perché la nuova m2o sarà molto poco parlata – ha cominciato a salutare, qualcuno non senza polemica.

 

Abbastanza duro in un passaggio è stato il post di Dino Brown: “Mi permetto solo di fare un appunto :
Ho letto interviste , tante dichiarazioni , innumerevoli commenti , decine di illazioni su quanto sta accadendo. Nessuno , in modo particolare chi di dovere , ha speso una sola parola sull’aspetto umano di tutto questo terremoto radiofonico . Ho percepito solo arroganza , saccenza , indifferenza , quasi come se i 16 ANNI di questa radio non fossero mai esistiti .

Il mio pensiero va alle oltre 40 persone che hanno perso il lavoro , uomini e donne che hanno una famiglia e che in questi anni si sono sbattuti con cuore e anima per far crescere sempre di più il progetto m2o ( progetto che , a differenza di quello che qualcuno voleva far credere , godeva di buona salute considerando la scarsissima copertura a livello nazionale e l’investimento pubblicitario e di marketing pari a zero ).
Si , è vero , indubbiamente c’erano altri problemi altrimenti non si sarebbe arrivato a questo ma
la verità noi la conosciamo . Non c’è bisogno di far credere che il cambiamento sia avvenuto per scarso impegno e scarsi risultati di chi ci lavorava. Non è così . Almeno non per tutti . È scorretto anche farlo credere o farlo intendere fra le righe . Cosi facendo si manca di rispetto a chi , come me , ha sempre lavorato tanto e ci ha messo tutta la passione di questo mondo.
Detto ciò , ognuno è libero di fare e dire quello che vuole , ci mancherebbe . Ricordiamo però che si sta parlando di PERSONE.
Chiudo la porta senza sbatterla . Mi auguro di aprire un portone”.

 

LEGGI ANCHE  m2o: Instagram è il simbolo della tabula rasa allo stato puro

 

 

E per altro si può dire che Leandro Da Silva è stato beffato dato che la sua fama è nata con Deejay e con Albertino grazie alla vittoria del contest “Deejay Ti Vuole”.

 

Intanto, nei giorni scorsi il sindacato ha reso note le proprie preoccupazioni: “”UILCOM-UIL di Roma e Lazio rende noto che in data 21 febbraio scorso si è svolta l’assemblea dei lavoratori di Elemedia – Gruppo Editoriale GEDI (L’Espresso/La Stampa), dalla quale è emerso che con L’ arrivo del nuovo Direttore Artistico Albertino, all’interno dell’emittente radiofonica m2o è iniziata una riorganizzazione strisciante”, 

E ancora: “L‘azienda ha comunicato direttamente alle lavoratrici ed ai lavoratori la volontà di trasferire attività e personale da Roma a Milano, oltre a procedere ad alcuni licenziamenti individuali”.

“La UILCOM-UIL di Roma e Lazio ritiene inaccettabile la condotta di Elemedia che, anziché convocare il Sindacato per affrontare i problemi in chiave collettiva, ha ritenuto intervenire direttamente sui lavoratori”.

LEGGI ANCHE  Albertino nuovo station manager di m2o

Infine: “La UILCOM-UIL rende infine noto che, unitamente alla Rsu ed a SLC-CGIL e FISTEL-CISL regionali, ha chiesto un incontro urgente alla direzione aziendale per ricevere tutte le informazioni necessarie. I lavoratori in assemblea hanno già dato mandato alle OO.SS. di mettere in campo tutte le iniziative utili per arginare lo spostamento delle attività da Roma a Milano e salvaguardare l’occupazione“.

 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1506 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".