L’Ora del Teo su R101, ovvero la grande lentezza

Le premesse sarebbero ottime: due comici “gloriosi” come Teo Teocoli e Nino Formicola (Gaspare) e una speaker affermata come Silvia Notargiacomo. Da due giorni su R101 è partita “L’Ora del Teo“, in onda dalle 19:00 alle 20:00 e bisogna dirlo: ha abbastanza deluso le attese.

L’idea iniziale non è male: Teocoli è direttore – con Formicola suo vice – di un giornale, “Notte fonda“, che esce a mezzanotte e ha una tiratura di quaranta copie. Si tratta di una improvvisata riunione di redazione che coinvolge come editorialisti tutti i personaggi di Teocoli,  da Caccamo a Vettorello, col tentativo di introdurre qualche novità.

Dato che alle sette di sera si sono già sprecate – nel panorama nazionale – trasmissioni che commentano notizie più o meno attuali o strane, ci si aspetterebbe un format più o meno comico: invece ci si trova ad ascoltare scambi di battute tra Formicola – che pure è stato una grande spalla – e Teocoli. La caporedattrice moderatrice Notagiacomo cerca di tanto in tanto di infilare qualche paola fra i due.

Gli scambi di battute si concludono di frequente con una parolaccia. Voi direte: “Ma proprio tu parli, dopo aver elogiato per anni trasmissioni pesantemente volgari?”. Nessuno scandalo nessun moralismo. Chi legge questo portale sa che l’autore di queste righe adora il politicamente scorretto ed il volgare. Ma un conto è una trasmissione apertamente senza censura; un altro, è giungere alla parolaccia dopo uno scambio di battute non preparato e (molto) prolungato, per il quale non si riesce a trovare una chiusa  differente.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1231 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".