Ligabue si confessa: ho pensato di smettere

È stata giornata di presentazioni per Luciano Ligabue che, in una conferenza stampa rigorosamente in streaming, ha presentato alla stampa il suo nuovo album 7 e la sua nuova raccolta 77+7, entrambi in uscita venerdì 4 dicembre.

Un incontro, quello tra il cantante e la stampa, che ha offerto numerosi spunti, a partire dall’ipotesi di una sua presenza al prossimo Festival di Sanremo: “Non credo proprio, non so niente del Festival di Sanremo 2021, non abbiamo messo in preventivo nessuna presenza” ha risposto a chi gli chiedeva della possibilità di vederlo sul palco dell’Ariston.

Non è mancata, ovviamente, una domanda sul motivo della scelta di 7 e 77+7 come titoli del disco e della raccolta e del legame particolare che Ligabue ha con il numero “sette”: “Un paio di anni dopo “Buon compleanno, Elvis”, mi arrivava ancora posta su quel disco: due lettere di due diverse numerologhe mi volevano far sapere che io sarei un 7 che cammina. Il mio nome Luciano e il cognome sono di 7 lettere, San Luciano è il 7 gennaio, le mie iniziali sono due elle che rovesciate sono dei 7, nel 1987 ho fatto il mio primo concerto, il primo stadio è del 1997, la traccia più popolare è “Certe notti” che è la numero 7 di “Buon compleanno, Elvis”. Da allora un po’ per gioco un po’ come pretesto, ho fatto le 7 notti di Arena, i 7 live al Forum e al PalaEur: d’altra parte perché inimicarsi le stelle?

Tra i passaggi più interessanti, anche una ritorno al passato, esattamente al 1999, quando Ligabue era a un passo dal lasciare il mondo della musica: “Mi è capitato di perdermi soprattutto facendo questo mestiere, che è meraviglioso: quest’anno ho fatto 60 anni, la mia vita è divisa esattamente in due, 30 anni da musicista e 30 no. Non avrei potuto immaginare tutto quello che è capitato: sono grato totalmente per questi anni così intensi, ma l’intensità la si paga; a volte ho perso me stesso o la mia identità. Nel 1999 avevo meditato di smettere, poi fortunatamente c’è sempre stata una vocina dentro di me che mi ricordava la bellezza dei concerti; non ero preparato a quella mole di successo. Arrivavo dopo Buon compleanno, Elvis, Su e giù da un palco, Radiofreccia: non ero pronto a essere raccontato come non sono da troppe persone, né all’isolamento che questa cosa produceva, mi ero chiesto se valesse la pena o no andare avanti. Ho deciso che non potevo fare a meno dei concerti“.

Infine, anche una battuta sul 2021 e, in particolare sul 19 giugno 2021, data in cui è programmato il ritorno sul palco di Ligabue che, per festeggiare i 30 anni di carriera, si esibirà in data unica a Campovolo, evento già sold out con 100mila biglietti venduti in prevendita.

Queste le parole di Ligabue a tal riguardo: “Non mi ci sto preparando, sono ancora in una fase di estrema frustrazione e incazzatura, voglia, rabbia… Sono una pentola a pressione colma di sentimenti data dal fatto che questa doveva essere una festa meritata per me e per i fan che avevano già preso il biglietto. Mi pesa pensare che avrà luogo fra così tanti mesi: conto che sarà a giugno, fra roba da sfogare e frustrazioni, gioia, senso di liberazione che proveremo nei confronti di un’oppressione che ora sentiamo addosso, tante cose capiteranno al punto che il concerto sarà quasi insostenibile per me, lo scopriremo solo vivendo“.

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo 3611 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.