J-AX inserito nel “pandemicamente corretto”

Partiamo da un articolo apparso sul sito del giornalista  e conduttore di Rete 4 Nicola Porro per scrivere due righe a proposito di J-Ax. 

Nell’articolo linkato sopra si parla del rap non più ribelle – viene citato pure Eminem – e al servizio dell’utilizzo della mascherina.

Qualche giorno fa abbiamo parlato del “mondo capovolto”, fra Vasco Rossi e Andrea Bocelli. Va detto che quando hai quasi 50 anni, vedi il mondo in modo diverso rispetto a quando ne hai 20, e per quello che riguarda Ax, la visione diversa delle cose si percepisce attraverso i vari dischi.

Non è più quello che “E non lo metto il casco omologato“, “Domani smetto”, e nemmeno lo sciupafemmine di “Senza regole”.  Nel 2007: “fedele a una sola è vecchia scuola ma ha  più stile”. E’ passato dall’essere quasi bullo all’essersi sentito vecchio per la difficoltà a fare un figlio,dall’essere dominatore a “La mia ragazza mena”. E’ quello de “La nuova stella del pop”, quindi anti-talent, salvo poi sancire la “pace”con Maria De Filippi, partecipare ad Amici e ad altre esperienze simili meno fortunate. E chi, negli anni Novanta, avrebbe immaginato una collaborazione con Neffa? L’unico punto rimasto immutato che può essere sgradito al perbenismo musicale e non solo,è il riferimento alle canne.  Ma queste – comunque la si pensi – non sono contagiose, e in ogni  caso i trapper fanno riferimenti molto più pesanti.

Per altro,avendo lasciato il rap piuttosto defilato rispetto al pop, ormai  di tutta questa ribellione non ne ha più bisogno. Con l’età si cambia. Si matura? Si migliora? Non è questo il posto per dirlo, ma non c’è nulla di strano per una persona di mezza età nel raccomandare la mascherina.

Stefano Beccacece (On Twitter  @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 2607 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".