Il significato di L’angelo ferito, il nuovo singolo di Renato Zero

Renato Zero torna sulle scena con il nuovo singolo L’angelo ferito, di cui vi abbiamo già proposto testo e audio ufficiale. Una canzone in rotazione radiofonica dal 18 settembre e che sarà contenuta all’interno del triplo album di inediti dal titolo ZeroSettanta, in uscita a partire dal 30 settembre, con il quale il cantante romano vuole festeggiare i suoi 70 anni.

Significato L’angelo ferito – Renato Zero

Ma qual è il significato di L’Angelo ferito? A spiegarlo è stato lo stesso Renato Zero che tramite un post pubblicato sui social network ha spiegato: “L’Angelo di per sé fatica a raccogliere consensi. Già il possesso delle ali basta a mandare in crisi quelli perennemente incollati all’asfalto. Io sono tra quelli che, insieme a Icaro e altri ardimentosi, ci siamo procurati “il mezzo” a nostra cura e spese“.

Un brano nostalgico nel quale L’Angelo ferito è proprio chi canta, così come sottolineato da Renato Zero nello stesso post citato in precedenza: “Abbiamo sfidato la gravità e le convenzioni. Siamo costantemente soggetti a rappresaglie e boicottaggi. Anche se oggi il black-out è pressoché totale. Ognuno quindi deve difendere il proprio spazio aereo. In quanto a me, prometto che eviterò, tassativamente, di sentirmi ancora L’Angelo ferito“.

LEGGI ANCHE  Info concerto Renato Zero a Firenze 17-12: biglietti, orari e scaletta

Nel testo, non manca neanche un riferimento all’attualità e, in particolare, alla pandemia globale che ha messo in ginocchio il mondo intero: “Più difficile il decollo. Cieli viola su di noi. Non si parte nè si arriva
inchiodati siamo ormai muti e vuoti e siamo in tanti,affanculo pandemia che ci hai spenti!!! Traditi dalla smania incalzante del mondo. Avere tutto e subito, tutto in un giorno“.

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo 3434 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.