I Lunatici di Radio2 sono l’emblema di un servizio pubblico al passo coi tempi

Dallo scorso settembre, I Lunatici di Radio2 Roberto Arduini ed Andrea Di Ciancio realizzano un programma nel quale fanno giornalismo senza la pretesa di essere giornalisti, forniscono notizie approfondendole e talvolta creandole, e intrattengono accompagnando gli ascoltatori nella notte.

Quando si parla di servizio pubblico, spesso si fa riferimento al pluralismo: Arduini e Di Ciancio – che a giugno ritireranno il premio “Biagio Agnes 2019” – intervistano personaggi dello spettacolo, del giornalismo e di tutto l’arco costituzionale con fare pacato e garbatamente informale.

Naturalmente,lo stile  interpretato dai Lunatici è al passo coi tempi. Non manca l’interazione con gli ascoltatori. e dalle telefonate sono emersi in questi mesi alcuni “personaggi” del programma: c’è chi ha una storia virtuale, chi si improvvisa investigatore, e chi ha degli appuntamenti galanti burrascosi.

Oggi, però, c’è un’interazione che permette alla radio non solo di dare informazioni, ma anche di riceverne in tempo reale. Non solo ci riferiamo alla tragedia di Corinaldo di dicembre, ma anche al rogo di Cogoleto di qualche giorno fa. Non c’è più una serie di messaggi a senso unico, bensì uno scambio reciproco fra utenti di – ogni età – e conduttori.

Il gruppo Facebook, fa il resto. Vi si respira virtualmente un senso di appartenenza e di comunità. Dentro vi sono lavoratori, nottambuli, artisti del sabato sera, genitori in attesa dei figli fuori dai locali. C’è già stato chi – in forma del tutto autonoma – ha organizzato dei “Lunatic raduni“.

Questo modo di trasformare il servizio pubblico in pubblica utilità – perché spesso chiamano anziani soli bisognosi di conforto – ha reso Arduini e Di Ciancio una coppia sulla quale, dopo averci messo le orecchie, diverse emittenti stanno mettendo gli occhi in vista della prossima stagione.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Commenti Facebook

commenti

About Stefano Beccacece 1475 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".