Fateme cantà: video ufficiale, testo e significato del nuovo singolo di Ultimo con Venditti

Dopo l’esperienza al Festival di Sanremo dove si è classificato secondo con il brano I tuo particolari, Ultimo si lascia alle spalle le tante polemiche che lo hanno visto protagonista dopo la settimana sanremese e pubblica un nuovo singolo dal titolo Fateme cantà, nuovo estratto dal suo album Colpa delle favole in uscita ad aprile. Tra le particolarità del brano, oltre ad essere in romanesco, da segnalare la presenza di Antonello Venditti che fa un piccolo cameo nella parte conclusiva del video.

Ultimo – Fateme cantà Audio ufficiale

Ultimo – Fateme cantà (Testo)

Che giornata, che giornata
so distrutto eh
so distrutto
cameriè portame el vino

Fateme cantà
che non c’ho voglia de sta con sta gente
che me parla
ma non dice niente eh eh eh

Fateme cantà
che me ne sento anche un po’ innervosito da sta gente
che me chiede na foto
io vorrei parlaje de loro oh oh oh

Fateme cantà
sto a impazzì presso a troppe esigenze
c’ho bisogno all’appello
de dì che so assente

Eh, fateme cantà
pe l’amici che ho lasciato ar parcheggio
io che quasi me ce ne sento in colpa
de ave’ avuto sto sporco successo
che amico sul palco e t’ammazza nel resto

Fateme cantà
nun so bono a inventamme i discorsi
sbaglio i modi
i toni, anche i tempi
parlo piano manco me sentiresti eh eh eh

Fateme cantà
che a ste cene con questi in cravatta
parlo a gesti nun so la loro lingua eh eh eh

Fateme cantà per quel tizio che non c’ha più er nome
sta per strada elemosina un core
pe’ quel padre che se strigne l’occhi
davanti a suo figlio pe’ proteggeje i sogni

Fateme cantà
pe’ sti gatti che aspettano svegli
un motore pe’ stassene caldi
pe’ i ricordi che me spezzano il sonno
e a letto me fanno girà come un matto
un matto un matto

Ultimo – Fateme cantà (Significato)

Come lo stesso cantante ha indicato con un breve messaggio sui social network, Fateme cantà è una canzone che si schiera al fianco di coloro che vengono considerati gli ultimi della società, in costante lotta conto il potere. “Fateme cantà che non c’ho voglia de sta con sta gente che me parla ma non dice niente” sono i primi versi del brano che poi prosegue “Fateme cantà per quel tizio che non c’ha più er nome sta per strada elemosina un core, pe’ quel padre che se strigne l’occhi davanti a suo figlio pe’ proteggeje i sogni“.

Il brano, inoltre, mette in risalto anche le emozioni di Ultimo riguardanti il suo successo (“Fateme cantà
che me ne sento anche un po’ innervosito da sta gente che me chiede na foto“) e sembra quasi scusarsi con gli amici del successo avuto: “Fateme cantà pe l’amici che ho lasciato ar parcheggio, io che quasi me ce ne sento in colpa de ave’ avuto sto sporco successo“.

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo 3007 Articles
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.