Advertisements
Advertisements

Jo M. vince Deejay on Stage 2017 con L’uragano non ci prende (Video e testo)

Il suo nome d’arte è Jo M., ma si chiama Giovanni Mazzarà ed ha vinto l’edizione 2017 di Deejay on Stage col brano “L’uragano non ci prende“.

Ora per il giovane autore catanese, che ha vinto la consueta maniestazione organizzata ogni estate da Radio Deejay a Riccione in Piazzale Roma, la possibilità di avere il proprio brano inserito nella rotazione della radio di Via Massena, diretta da Linus, per un mese.

Questo è il video del brano del chitarrista, pianista e compositore della provincia di Catania, video girato a Panarea da Giacomo Triglia.

 

 

Qui di seguito riportiamo invece l’esibizione dal vivo a Riccione del vincitore, tratta dalla pagina di Deejay on Stage.

Riportiamo anche il testo del brano L’Uragano non ci prende:

Un dettaglio oggi un altro piccolo dettaglio domani,

poi arriva il giorno col conto da pagare e rischi di affondare

eppure Dio ci aveva provato a fornirmi un bel finale

ma ho ricambiato col male.

Non c’è bisogno di morire per sentire l’inferno

basta sbagliare verso chi dovresti amare.

Non c’è bisogno di morire per sentire l’inferno

basta mentire ferire scappare

da chi volevi amare.

Un dettaglio oggi un altro piccolo dettaglio domani,

e con il tempo il vento da lontano diventa un uragano,

eppure noi avevamo toccato, il cielo con le ali

adesso siamo più umani.

Non c’è bisogno di morire per sentire l’inferno

basta sbagliare verso chi dovresti amare.

Non c’è bisogno di morire per sentire l’inferno

basta mentire ferire scappare, scappare.

Una panca due cuori ed il mare ed un bacio che si è fatto aspettare

di un po’ di anni a dietro era il ricordo che mi ha fatto girare il mondo.

Io rimetto queste ali

Risaliamo in cima al monte

L’uragano non ci prende no non ci prende

Io rimetto queste ali

Risaliamo in cima al monte

L’uragano no, non ci prende.

Non c’è bisogno di morire per sentire l’inferno

basta sbagliare verso chi dovresti amare.

Non c’è bisogno di morire per sentire l’inferno

basta mentire ferire scappare

da chi volevi amare.

Da chi volevi amare, da chi volevi amare… da chi volevi amare

Un dettaglio oggi, un altro piccolo dettaglio domani.

La manifestazione, che nelle serate precedenti ha avuto ospiti tutti i protagonisti dell’estate, è stata chiusa da  Francesca Michelin e   Lorenzo Fragola,  Takagi & Ketra con L’esercito del selfie.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".