Advertisements
Advertisements

Il concerto di Zucchero all’Arena di Verona: recensione e scaletta de La Sesion Cubana Tour 2013

Dopo la data zero di Livorno del 28 aprile, ha portato il suo La Sesion Cubana World Tour nella cornice ideale dell’Arena di Verona, che martedì sera ribolliva letteralmente.

C’è il pienone, inutile dirlo, e l’Arena è sold out per tutte e tre le date previste. Zucchero parte con “Nena”, seguita da “Un Kilo” e “Cuba Libre”, e già la temperatura sale verso i massimi. Quindi è tempo per alcuni brani inediti e cover come “Never Is a Moment” di Jimmy LaFave, “Love is all around”, “L’urlo” e la parte etnico-latina di matrice europea, con la spagnola “Sabor a Ti”, seguita dalla portoghese “Ave Maria No Morro”.

E d’altronde l’intento di ricostruire un’atmosfera folk latina, per così dire, è chiarissimo, e già si intuiva dagli esordi cubani del tour. Dopo la parentesi in lingua inglese di “Everybody’s got to learn” e “God bless the child”, si torna a scatenarsi con un classico dei classici come “La Bamba” di Ritchie Valens (primo a riadattarla dai canoni di canzone popolare) e naturalmente con l’attesissima Guantanamera, resa moderna da una arrangiamento sapiente, ma senza snaturarne l’anima popolare.

C’è tempo anche per un accenno agli U2 di “With or Without you”, prima di godere degli innumerevoli grandi successi passati del cantante emiliano. Come sempre è “Diamante” a creare il momento più suggestivo, ma anche “Ali d’Oro” eccita il pubblico, che poi si scatena con “Overdose d’amore”. E intanto scende il bandierone cubano già visto a Livorno. Un emblema meno politico di un tempo, ma che in questo caso ha un forte richiamo artistico e sociale.

Due ore e mezza di concerto che si concludono con il pubblico che improvvisa una ola dapprima timida, poi sempre più convinta fino a far rimbombare il catino veronese davanti a uno Zucchero visibilmente stupito e commosso. Vai così, Adelmo, non fermarti mai!

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni
Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish. Contatto diretto: blog@gamefox.it