Ed Sheeran al Pala Alpitour di Torino: recensione e scaletta

Sono le 20.30 puntuali quando l’irlandese segna il suo ritorno su un palco nostrano per la prima delle due date italiane del suo tour, entrambe in scena al Pala Alpitour di Torino. La prima è andata in scena ieri sera, giovedì 16 marzo, davanti ad un palazzetto tutto esaurito che ha accolto con entusiasmo il celebre cantante.

Dopo l’apertura affidata a Ryan McMullan e Anne-Marie, arriva il turno dello show tanto atteso, il primo del tour europeo di presentazione di “÷”, il nuovo disco di Eh Sheeran. Eccolo in scena, di nero vestito, che risalta nonostante l’imponente scenografia di schermi giganti ideata da Mark Cunniffe, il visual de­signer di Madonna e degli U2.

La scaletta si apre con Castle on the Hill e già dalle prime note è fragoroso il boato del pubblico, sarà perché stiamo parlando di uno dei nuovi singoli e quindi più fresco nelle menti dei fan. “Sono passati due anni dal mio ultimo concerto. Sono piuttosto nervoso” ammette l’irlandese prima di proseguire il concerto con Eraser. Uno dopo l’altro ascoltiamo un totale di quindici brani, per due ore di concerto intenso e senza soste: ascolteremo brani come Photograph, I See Fire o Shape of You, quest’ultima proposta sul finale di concerto come bis insieme a You Need Me, I Don’t Need You e la chiusura affidata a What do I know?.

E se non fosse bastato stasera di duplica con la seconda ed ultima data italiana, sempre in quel di Torino.

 

Scaletta concerto Ed Sheeran Torino 16-3-2017

Al link sopra l’archivio storico delle scalette dei concerti di Ed Sheeran

Castle on the Hill
Eraser
The A Team
Don’t / New Man
Lego House
I’m a Mess
Happier
Galway Girl
How Would You Feel (Paean)
Human / I See Fire
Photograph
Perfect
Bloodstream
Thinking Out Loud
Sing

BIS

Shape of You
You Need Me, I Don’t Need You
What Do I Know?

 

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

loading...
About Andrea Izzo
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.
Facebook