Advertisements

Lo Zoo di 105 di nuovo in onda, con Leone Di Lernia: probabile una sfuriata contro i media

Lo Zoo di 105 tornerà oggi nuovamente in onda. Dovrebbe esserci anche Leone Di Lernia, sempre che la sua salute glielo permetta.

In questi giorni, i componenti dello Zoo non hanno mascherato irritazione per il modo in cui i media hanno trattato la vicenda del “Re del trash” pugliese.

Tutto è partito dall’intervento di Leone a Pomeriggio 5 di Barbara D’Urso, in cui il Di Lernia ha tentato in ogni modo di sminuire quanto capitatogli negli scorsi giorni, facendo passare la notizia del suo stato “grave” di salute, come una burla di Mazzoli & Co. : “Hai rovinato lo scoop”. Mazzoli e Wender – in un video che postiamo sotto – hanno specificato che Leone scherzava sulla malattia perché “è un cazzone e non accetta di stare male”.

Ma prima pubblichiamo il primo stato “indignato” dalla pagina dello Zoo di questi giorni:

A seguito di un articolo di un noto sito scandalistico,  che aveva riferito di una trovata pubblicitaria per rilanciare il programma, è poi intervenuto Davide Di Lernia nello  stesso programma della D’Urso per fermare i pettegolezzi.

Ora, è vero che lo Zoo oltrepassa ogni limite, ma se davvero Leone non fosse stato male, dubitiamo che Fabio Alisei si sarebbe prestato a parlare in questo video. Un conto è inventarsi una scappatella a trans per promuovere un film; altra cosa è “farsi pubblicità” sulla pelle di una persona che i conduttori conoscono da vent’anni. Inoltre, l’avvento di Mediaset avrà certamente apportato tanti difetti alla programmazione di Radio 105, ma quale ulteriore pubblicità era necessaria al programma più ascoltato d’Italia, quando solo pochi mesi fa è stato realizzato uno spot andato in onda sui canali Mediaset?

Comunque, riportiamo il video nel quale Leone Mazzoli e Wendr parlano dell’accaduto tra un cazzeggio e l’altro

 

Resta da capire, ma il gruppo lo spiegherà in diretta probabilmente, cosa siano quelle cose che dovevano essere girate, talmente imbarazzanti da non poter essere svelate in diretta perché Mazzoli non aveva il coraggio: stiamo parlando di uno che si è fatto riprendere mentre girava nudo per Milano: può esserci qualcosa di peggio?

Infine, pare realmente che – nonostante il programma dovesse comunque essere sospeso -Mazzoli sia riuscito, per la battuta sul Papa non per Costanzo – a provocare una sospensione durante la sospensione. 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".
Facebook