Advertisements
Advertisements

Vittoria Trump, Giuseppe Cruciani stappa lo champagne e adesso sarà costretto a due mesi di astinenza sessuale (Video)

Le ultime puntate de La Zanzara sono state all’insegna  dallo slogan “Non succede ma se succede“. Ed è successo.Come ci ripetono da ore – ora tutti dicono “L’avevo detto io”, dopo averci detto per mesi il contrario – Donald Trump è il 45° presidente degli Stati Uniti d’America.

Giuseppe Cruciani ha aperto la puntata dedicando un “Vaffa” a Beatrice Borromeo per un tweet che ha collegato l’elezione di Trump alla scomparsa dell’oncologo Umberto Veronesi: “Almeno #UmbertoVeronesi non ha dovuto vedere un mondo in cui #Trump è presidente”.

 

 

E poi c’è il “fioretto” di Cruciani, che aveva promesso di comprare una bottiglia di champagne,  e la bottiglia è stata stappata, in una puntata nella quale Cruciani – favorevole a Trump – e Parenzo, inorridito dal nuovo presidente, si sono trovati faccia a faccia nella “sede del trumpismo italiano“.

Cruciani aveva messo sul piatto la bocciatura per un anno per sua figlia ma – parole sue – “E’ una secchiona, studia come una matta” – ed allora il conduttore, che aveva messo in palio la propria verginità anale in caso di vittoria da parte di Guido Bertolaso a Roma, questa volta  l’ha buttata sull’astinenza sessuale per due mesi. Da verificare con telecamera o – come dice Parenzo – col braccialetto elettronico?

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

 

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".