Marco Mazzoli: “Rischiamo 4 anni di galera”

Giornata dai due volti quella di ieri per il conduttore dello Zoo di 105 Marco Mazzoli. Da un lato l’intervista concessa al Giornale, dall’altro il ritorno prepotente delle conseguenze derivanti dalle querele e dalle cause pendenti.

In apertura di puntata, Mazzoli ha parlato delle “belle notizie del lunedì”: “Per due battute rischiamo quattro anni di galera“.

E ancora: “Da 18 anni andiamo in onda con lo stesso stile. Non ho mai rubato una mela e devo essere preoccupato di finire in carcere per due battute in radio.  Tra l’altro avevamo cercato un punto d’incontro, proposto di fare promozione, ma gli avvocati mi hanno avvertito che queste cose restano private e non riguardano il giudice”.

Due sono state le running gag in proposito: il presunto passato da galeotto di Luca Alba, e e l'”odio” nei confronti di Fabio Alisei: “Al mondo ci sono troppi Alisei”. Semplicemente Mazzoli raffronta il suo ipotetico reato a quelli che riguardano assassini ladri e criminali sostenendo – in base a tale confronto – di non meritare di essere perseguito per una battuta; Alisei – sicuramente il più colto e razionale del gruppo – verosimilmente sosterrebbe, o forse sosterrà, quando tornerà in diretta ciò che la logica impone,  ovvero che due casi distinti non possono essere confrontati sulla base della gravità di uno rispetto all’altro, soprattutto in un tribunale.

Fra le cause più note che riguardano lo Zoo di 105 –  quella in questione riguarda  anche Paolo Noise  Fabio Alisei e Luca Alba – ci sono quelle intentate da Costantino Vitagliano, Enrico Ruggeri e – più recentemente – Rossella Brescia. 

Il programma che non piace ha battuto la concorrenza, rotto gli schemi ed infranto le regole: non tutti avrebbero il coraggio di fare tutto ciò, ma questa idea non convenzionale di radio porta onori ed anche oneri. 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".
Facebook