Advertisements
Advertisements

Spandau Ballet live Forum di Assago: recensione e scaletta concerto

Data zero per gli che dopo la loro apparizione all’ultimo Festival di Sanremo, hanno debuttato al Forum di Assago per la prima tappa del loro lunghissimo tour che segna la reunion del gruppo. Tanta curiosità per lo show di ieri, martedì 24 marzo, in cui la band inglese si è esibita davanti ad un palazzetto completamente sold out.

Sin dai primi minuti di concerto si è tornati indietro nel tempo, esattamente intorno agli anni ottanta: si apre il sipario e un maxi schermo mostra immagini degli Spandau Ballet, con un Tony Hadley ancora giovanissimo. Fragoroso a quel punto il boato del pubblico femminile. Finalmente si fa sul serio e la musica inizia con Soul boy, primo brano in scaletta, proseguendo poi con canzoni come Highly strung e Only when you leave. Tra un brano e l’altro, a metà show, c’è anche un omaggio a Steve Strange, cantante britannico e frontman dei Visage scomparso lo scorso febbraio. A lui si erano ispirati gli Spandau Ballet che lo tributarono anche sul palco di Sanremo, a poche ore di distanza dalla sua morte.

Lo show si conclude con il bis e vengono proposti Through the barricades, Fight for ourselves e Gold. C’è tempo anche per salutare il pubblico italiano, con tanto di tricolore in mano. “Torneremo presto” dicono dal palco ed intanto c’è già chi li attende domani sera e venerdì rispettivamente a Torino e Padova.

Qui di seguito vi proponiamo la scaletta e alcuni video del concerto.

Scaletta concerto Spandau Ballet Milano Forum Assago 24/3/2015

Soul boy
Highly strung
Only when you leave
How many lies
Round and round
This is the love
Steal
Chant no. 1
Reformation
Mandolin
Confused
The freeze
To cut a long story short
Raw
Glow
Empty spaces
Gold
Once more
I’ll fly for you
Instinction
Communication
Lifeline
True
Through the barricades
Fight for ourselves
Gold

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo

La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l’Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.