Advertisements
Advertisements

Nuove proposte Sanremo: Credo di Amara (audio, recensione e testo)

Credo di : ecco l’anteprima audio e il testo di uno degli otto finalisti della gara al Festival di , annunciati oggi da Carlo Conti al Tg1.

Amara (vero nome ) è di Prato ed è una delle due promosse del concorso Area Sanremo. In curriculum vanta la vittoria al Premio Lunezia 2010.

Il brano ha un’intro di piano che ricorda Lavender dei Marillion, poi cambia quando attacca una voce roca e profonda alla Noemi. Il pezzo è piuttosto scontato, dunque all’Ariston potrebbe funzionare bene. Ci si domanda come sia possibile che ancora vengano selezionate canzoni del genere, ma amen. Sentita una, sentite tutte.

Testo | Credo | Amara

Credo nei sogni li accarezzo con le mani
credo nel sole, che mi scalda anche domani
credo nei santi a quelle mie parole al vento
credo all’infinito amore che poi nasce in un momento
magari proprio quando ormai non ci credevi più
che non pensavi neanche che potevi essere tu
e credo nei bambini nelle loro madri
alla bellezza dei colori incorniciata dentro i quadri
a quelle discussioni che si fanno dentro ai bar
a ogni strada presa che non so mai dove va

E amore credo a quello che mi hai dato sempre
mi ritrovo nei tuoi occhi ma mi perdo tra la gente
Amore non posso guardarti negli occhi chiamarti per nome
non posso che stare in silenzio se parla l’amore
è pioggia di luce battente che illumina il cuore
non posso guardarti negli occhi

Credo alla storia che non ci hanno raccontato
agli occhi lucidi se sono emozionata
credo alle avversità del tempo che ci rende grandi
alla nostra vicinanza quando siamo più distanti
alle ali forti della mia testarda libertà
al buio della notte quando accende la città
al mio passato che è passato e non l’ho perso
e anche se oggi son diversa orgogliosamente questa
credo nelle preghiere anche se ognuna a modo suo
perché ogni luce è buona per accendere quel buio.

E amore credo a quello che non so scordare
amore resta amore amore non te lo dimenticare
amore non posso guardarti negli occhi e chiamarti per nome
non posso che stare in silenzio se parla
l’amore è pioggia di luce battente che illumina il cuore
non posso che stare in silenzio.

Credo nelle preghiere anche se ognuno a modo suo
perché ogni luce è buona per accendere quel buio
e amore credo a quello che non so scordare
amore resta amore, amore non te lo dimenticare

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni

Giornalista pubblicista iscritto all’ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish.

Contatto diretto: blog@gamefox.it