Advertisements
Advertisements

Mango ed il ricordo di Enrico Ruggeri: “Pino riposati”

Si pensa ad un concerto di beneficenza

 

La morte di Mango ha sconvolto tutti, anche chi – come chi scrive – non era suo particolare fan. La scomparsa di quella che comunque è stata una delle voci più importanti della musica italiana, ha scioccato sia perché l’artista era ancora relativamente giovane, sia perché verosimilmente Mango stava pensando: “Ho quasi finito, adesso si torna a casa”.

Sono tanti i messaggi di cordoglio, ma è opportuno dare la precedenza a chi – è il caso di  Enrico Ruggeri – stava cantando, proprio come stava facendo Mango in Basilicata.

Ruggeri – tra l’altro in libreria in questo periodo con la sua nuova avventura letteraria – non ha mancato di inserire nel suo messaggio d’addio un pizzico di polemica. Ecco cosa ha postato sul proprio profiloFacebook:

Avrei voluto scrivere del concerto di ieri,raccontare e ringraziare,come altre volte. E invece mentre io stavo cantando se ne andava,cantando,una delle voci più belle che avevamo,Pino Mango. Sono sgomento,addolorato,non ho parole. Ora leggo belle frasi da giornalisti che non andavano da anni a un suo concerto,radio che non passavano le sue nuove canzoni e discografici che non avevano più voglia di investire su di lui. Per fortuna la gente continuava a seguirlo e ad amarlo. Un abbraccio,Pino,ovunque tu sia riposati,hai fatto grandi cose”.

 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece

Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta – ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 – ora fa prevalentemente il blogger con l’aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione “Radio News”.