610: la simpatia di Lillo Greg ed Alex Braga al Festival del Film di Roma

Settimana in trasferta,   che si è conclusa con la puntata speciale di stasera, quella che ha visto Lillo Greg ed Alex Braga protagonisti con il loro Sei Uno Zero al Festival Internazionale del Film di Roma presso il “Parco della Musica”.

Il trio ha trasmesso da questa prestigiosa manifestazione così come altre trasmissioni di Radio2. Oltre agli abituali tormentoni – con tanto di riorno del Grande capo Estiqatsi – lo staff di 610 ha saputo adattare, come in occasione del novantesimo anniversario della Radio, il proprio repertorio. Ciò che non è cambiato è il ruolo di Lillo quale vittima sacrificale di Alex e Greg.

Ecco quali sono stati i personagi che hanno caratterizato questa settimana “cinematografica”  accompagnata musicalmente dalle esibizioni live di Greg and the Frigidaires.

Trame veloci di Giampiero Galeazi: film raccontati in un lampo con l’inizio della trama che ha previsto la seguente formula: “Entri al cinema, compri i pop corn, inizia”.

De Faustis: trattasi di un regista che tenta di non raccontare nulla e di non citare il titolo della sua opera perché – avedo qualche  leggerissimo problema di pronuncia  – non riesce a parlare correntemente. Un esempio? I trentatrè del trattato di Trento.

Francesco Zardo: trattasi  di un tuttologo del cinema che dovrebbe spiegare il mezzo in modo tecnico, in realtà si sofferma su dettagli scontati e/o inutili. L’analisi dell’esperto finisce sempre a sul pranzo degli attori.

Olga, estetista dei divi: un’esperta di bellezzache descrive metodi che non si concludono mai con una soluzione.

Giuseppina Baratro: ottant’enne regista di film horror che vive proprio come vivrebbe un qualsiasi anziano non interessato ad avere grossi scossoni.

Federica Giorgioni: la grande economista di Sei Uno Zero questa settimana ha insegnato come fare ad entrare al cinema senza pagare il biglietto.

Federica Cifolì: sarebbe la più grande criticadel mondo. Ci si aspetterebbe  la più grande critica cinematografica, invece è una critica nel senso più banale del termine  e si scaglia contro qualsiasi cosa, senza mai citare mai il mondo del grande schermo.

Dottoressa Strafalcioni: questa settimana la più grande interprete di sogni ha interpretato situazioni ambientate nel mondo del cinema I sogni di Lillo e Greg  hanno vitso protagonisti di grandi nomi come Cristiana Capotondi, Scarlett Johansson e Joe Pesci. Come detto,Lillo è la vittima designata del format, per cui i sogni di Lillo nel libro della dottoressa non ci sono, vengono modificati e portano sempre sfortuna. I sogni di Greg invece ci sono sempre – anche se sono identici a quelli di Lillo – ed hanno due conseguenze: o profetizzano molta fortuna per Greg, oppure predicono molta sfortuna per Lillo.

Pasquale Diano Marina: ex campione mondiale di “Calabrese estremo”, che ha dovuto cedere il titolo ad uno svedese, che ha come progetto la trasformazione di film e musical in opere scritte in calabrese stretto.

Anna Cifolella: attrice che avrebbe la pretesa di essere sulla cresta dell’onda e di presentare il suo nuovo lavoro ma viene ricordata sempre e solo per il ruolo di Biancaneve, recitato 7 anni prima.

Alessandro Aber: parodia di quello che in effettivamente sembraessere l’attore più ansioso del cinema italiano. In questa “raffigurazione” dovrebbe essere colui che insegna il training autogeno.

Ieri c’è stata anche la presenza di un fantomatico filosofo prestato al cinema – che avrebbe dovuto parlare dellafigura di Pietro Germi – il quale aveva una caratteristica non trascurabile: si esprimeva come Bombolo.

Chiusa questa parentesi, Lillo e Greg con Alex Braga tornao nel loro “habitat”, ovvero dal lunedì al venerdì con l’Almanacco alle 6:00, la puntata delle 17:00 e Seiunozerology – alla ricerca della felicità -alle 20:45.

 

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

 

 

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece 973 Articles
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".