Advertisements
Advertisements

Britney Spears – Britney Jean: recensione

È ormai chiaro che non possa più essere definita una cantante, tantomeno un’artista, quanto piuttosto un piacente saltimbanco dell’industria pop, che ogni paio d’anni ritorna giusto per dare il contentino a quei pochi fan che ancora la seguono. Britney Jean è l’ennesima conferma di tutto questo, un disco che basta ascoltare anche solo a metà per capire quanto la sua personalità artistica, se mai davvero esistita, preferisca nascondersi dietro l’ultimo beat alla moda (ma, attenzione, fortunatamente in fase calante) e al facile sculettamento.

Tutto in Britney Jean è fuffa, tanto che la Spears sembra ormai andare avanti più per inerzia che per vera volontà di fare musica: l’intrepido ascoltatore deve sopportare ballatine adolescenziali (il brano Chillin’ with you in collaborazione con la sorella Jamie Lynn), uptempo dal ritornello sempliciotto (vedasi Perfume, “And while I wait I put on my perfume, yeah I want it all over you, I gotta mark my territory“, oppure Passenger ), alcune club banger un po’ -vorrei ma non posso- (opera del peggior will.i.am) come It should be easy o Body Ache, o ancora il pezzo con il rapper di turno (Tik Tik boom, un nome un programma, featuring con T.I.).

Incredibilmente, da tutto questo marasma si salvano forse soltanto i pezzi più prettamente elettronici, dal palese influsso Swedish House Mafia, come per esempio Got Till It’s gone, confezionata da Sebastian Ingrosso, e infine il primo singolo ufficiale Work Bitch (beninteso che non stiamo certo parlando di due canzoni da Grammy, ma semplicemente di brani da discoteca molto efficaci).

Britney Jean, secondo il cliché del genere, doveva essere l’album di “personale” della carriera di Britney Spears, ma si rivela in definitiva ancora più commerciale e sterile di Circus e Femme Fatale, e credo di aver detto tutto.

Eri molto, molto meglio ai tempi di Blackout, Britney, li almeno avevi i capelli rapati a zero ed eri fuori di testa, proprio come una vera rockstar.

image

Tracklist

01. Alien
02. Work B**ch
03. Perfume
04. It should be easy feat. will.i.am
05. Tik Tik Boom feat. T.I.
06. Body Ache
07. Til It’s gone
08. Passenger
09. Chillin’ With You feat. Jamie Lynn
10. Don’t Cry

Deluxe edition

11. Brightest Morning Star
12. Hold On Tight
13. Now That I found You
14. Perfume (The Dreaming Mix)

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Alberto_Muraro

Seguitemi su Twitter: @alb_simultaneo