Advertisements
Advertisements

Alter Bridge: quando il metal di qualità entra in classifica (recensione di Fortress)

Molti avranno avuto una reazione stupefatta nel leggere le classifiche Fimi degli album più venduti in Italia uscite ieri. Al nono posto c’era infatti un nome nuovo, un gruppo mai sentito nominare (dai più) di nome con il loro ultimo album Fortress.

Ma chi sono gli Alter Bridge? Si tratta di un gruppo hard rock americano con sonorità venate di prog metal a metà strada tra i Dream Theater e (soprattutto) i System of a Down, che sono un loro chiaro riferimento. nel 2011 la loro canzone Blackbird ha ricevuto un riconoscimento eccezionale dalla rivista specializzata Guitarist, che ha eletto l’assolo di chitarra presente nel brano come il migliore di tutti i tempi, davanti a Eruption dei Van Halen e Sweet Child Of Mine dei Guns & Roses.

Tornando invece a Fortress, abbiamo ascoltato tutto l’album e dobbiamo dire che la qualità è eccelsa. Ok, non hanno inventato niente, è vero, ma gli Alter bridge hanno la capacità di selezionare le fonti e filtrarle col loro stile, con un risultato a nostro parere molto più efficace dei tanto osannati (ma anche criticati, soprattutto nell’ambiente) Avenged Sevenfold.

Per fornirvi un esempio dello stile Alter Bridge alleghiamo il video del singolo Addicted to Pain, ma con la notazione che sempre a nostro parere il miglior pezzo del disco è la title track Fortress, piazzata in fondo: sette minuti abbondanti di cambi continui senza perdere di vista il leit motiv del brano. La cavalcata finale in puro stile prog ricorda gli Arena del fondatore dei Marillion Mick Pointer, per chi se li ricordasse.

Nel disco però ci sono anche episodi molto personali e intimisti come Lover e All Ends Well, alternati a tirate furibonde come la dura Cry a River e la distorta Farther Than The Sun. Menzione a parte per Calm the Fire che cita chiaramente i Muse per poi prendere una strada propria con un trascinante tappeto di chitarre.

Un consiglio: compratevi il disco. Una volta tanto se sta vendendo tanto, il motivo c’è.

Video ufficiale Alter Bridge | Addicted to Pain

Advertisements

Commenti Facebook

commenti