Advertisements
Advertisements

One Direction in concerto all’Arena di Verona: recensione e scaletta

Parlare dei come un semplice fenomeno pop è piuttosto riduttivo. Questi 5 ragazzi sono riusciti, nel giro di un paio d’anni, ad ottenere un successo di pubblico (ovviamente, al novanta per cento femminile) sinceramente impressionante, un qualcosa che non si vedeva dai tempi dei Take That. La differenza principale rispetto al passato, tuttavia, è la capacità delle fan di organizzarsi tramite i social media e trasformare qualunque loro “pezzo di vita” in un evento. Come c’era da aspettarsi, dunque, il concerto che i 1D hanno tenuto ieri sera all’Arena di Verona è stato molto di più di una semplice esibizione live. Ecco com’è andata.

Una premessa è d’obbligo:  giusto per farvi capire quanto il gruppo sia amato, vi mostriamo la foto di Piazza Bra scattata poche ore prima dello show:

Verona 1D

Come potete ben immaginare, quando il concerto ha avuto inizio, l’Arena è letteralmente esplosa: , , , Harry Styles e Zayn Malik sono saliti sul palco, dopo un breve intro, sulle note di Up All Night, il primo brano in scaletta. La scenografia era molto semplice, ma poco importava: i veri protagonisti della scena erano loro, con i loro ciuffi impeccabili e i loro sguardi ammiccanti. Il concerto si è snodato fra le principali hit che hanno reso famosa la band, da One Thing a Last First Kiss, passando per Little things e la cover delle Blondie One Way Or Another (Teenage Kicks). L’impressione generale è che i 5 sono una squadra di cantanti molto ben rodata, che pur non brillando per originalità, soddisfa anche da un punto di vista vocale.

Molto apprezzabile inoltre il fatto che i One Direction abbiano interagito con le fan, che nel corso della serata sono riuscite diverse volte ad entrare in contatto con i loro idoli: ciò è avvenuto in particolare quando il gruppo ha chiesto al pubblico di twittare le canzoni che avrebbe voluto ascoltare, finendo per esibirsi con Men in Black e l’inno a Belpaese (un po’ troppo posticcio, a dir la verità) di That’s Amore.

Fra lacrime di gioia e disperazione, urla, manifesti, mani alzate e canzoni cantate a squarciagola, questa serata così pazza si è conclusa con la perfetta hit What Makes You Beautiful, una romantica uptempo con la quale gli 1D hanno salutato il pubblico di Verona, pronti e scattanti per ripartire immediatamente alla volta di Milano, dove si esibiranno questa sera.

Per riassumere, un concerto di questo tipo deve essere preso per quello che è, ovvero come la manifestazione hic et nunc di un genere di “candy pop” che può soddisfare soltanto un determinato target di pubblico, giovane e femminile: in ogni caso, non facciamo una colpa alle directioners, perché tutti noi un tempo abbiamo ascoltato musica che poi abbiamo rinnegato, e poi, diciamocelo, almeno una volta ogni tanto una sana canzoncina orecchiabile non fa male a nessuno!

Scaletta del

Up All Night
Would’
Heart Attack
More Than This
Love You First’
One Thing
C’mon, C’mon
‘Change My Mind
One Way Or Another (Teenage Kicks)’
Last First Kiss’
Moments
Back For You
Summer Love
Over Again
Little Things
Teenage Dirtbag
Rock Me
She’s Not Afraid
Kiss You
Live While We’re Young
What Makes You Beautiful

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Alberto_Muraro
Seguitemi su Twitter: @alb_simultaneo