Advertisements
Advertisements

Grande successo per l’Andrea Chenier: undici minuti di applausi alla Prima della Scala

E dunque la temuta prima della Scala è stato un grandissimo successo, e anche la scelta non facile di aprire la stagione con l’ di Umberto Giordano nel 150° anniversario della nascita del compositore foggiano si è rivelata vincente.

Bella la scenografia e la regia di Mario Martone, al suo debutto con una Prima scaligera, ma una bella fetta del trionfo porta un nome e un cognome; quelli di Yusif Eyvazov, superbo protagonista e interprete di Chenier. Col suo timbro caldo e le parole scandite come pochi sanno fare, il tenore ha convinto subito tutti, loggionisti compresi, scongiurando l’ipotesi di qualche sparuto fischio.

Ma non per questo vogliamo dire che non abbiamo apprezzato la Maddalena di Coigny di Anna Netrebko così come una bandiera tricolore sul palco, rappresentata dal baritono Luca Salsi, eccellente Gerard e molto simpatico anche a lasciarsi andare nelle interviste a fine rappresentazione.

Quanti minuti di applausi ha fatto l’Andrea Chenier? Questa la domanda di rito che molti si saranno posti. Qualcuno li ha cronometrati un undici… ma alla fine quel che conta è che sono stati tanti, tanti davvero. E anche chi non conoscesse nessuna aria di un’opera forse non così popolare, non potrà non aver apprezzato. Ora rimangono da vedere gli ascolti tv di Rai1…. ma per questo dovremo aspettare domani, e la nostra sensazione è molto positiva.

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni

Giornalista pubblicista iscritto all’ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish.

Contatto diretto: blog@gamefox.it