Il Grande Gatsby-Colonna Sonora: la nostra recensione in anteprima (cover e tracklist)

Era il 2001 quando Baz Luhrmann fece uscire “Moulin Rouge“, film che lo consacrò definitivamente come uno fra i più grandi registi a livello internazionale: ad accompagnarlo c’era una soundtrack a dir poco imponente e da un certo punto di vista rischiosa, che mescolava in sé il meglio del rock anni novanta con le prime sperimentazioni pop degli anni duemila. Dodici primavere dopo, il regista è tornato a proporre al suo pubblico un altro grande “spettacolo spettacolare”, la versione cinematografia de “Il Grande Gatsby” di F.S. Fitzgerald: abbiamo avuto occasione di ascoltarne la colonna sonora in anteprima, ecco le nostre impressioni.

Partiamo sottolineando che dietro lavori di questo tipo, oltre ad una produzione mastodontica, ci sono anche scelte di regia certosine fino alla nausea, che riescono a trasformare un insieme di canzoni apparentemente diversissime in un amalgama assolutamente perfetto (un discorso simile si può fare per esempio per la colonna sonora di Django Unchained, in cui ogni canzone è stata selezionata accuratamente dallo stesso Quentin Tarantino): in questo senso, le musiche del Grande Gatsby rappresentano soprattutto un racconto melodico, che all’interno di un film di questo tipo riuscirà senza dubbio a creare un impatto emotivo molto, molto forte; non dimentichiamoci poi che il disco riesce a passare dall’hip hop all’indie-rock d’autore fino al più commerciale dei motivetti senza mai dimenticare il filo conduttore della narrazione, il grande ritratto degli anni d’oro del kazz.

Ad aprire l’album è la voce del protagonista Gatsby-Di Caprio, il cui monologo “da boss” lascia naturale spazio alle ottime rime di “100$ dollars” di , unico altro momento rap insieme alla magnifica “No church in the wild“, emozionante collaborazione con e (presente nella versione Deluxe); cambia immediatamente il ritmo con l’r&b acido di “Back to black“, una bellissima cover della Winehouse ad opera della coppia Andre 3000 e Beyoncé. Un’altra brusca virata di stile arriva con , che in “Young and Beautiful” incanta per dolcezza e intensità interpretativa (ricalcando forse un po’ troppo lo stile di Adele, ma non si può certo dire che ciò rappresenti un difetto). Con brani di tale livello tutti sparati all’inizio avrei anche potuto aspettarmi un calo di tono in quelli successivi: niente di più sbagliato, perché con interpretazioni come quelle di Jack White in “Love is Blindness” o Florence Welch in “Over the Love” non ho potuto far altro che lasciare che la pelle d’oca si impadronisse del mio corpo.

In un lavoro di questo calibro, persino l’elettronica più tamarra riesce ad avere un senso, concretizzandosi in due inni della lotta al proibizionismo 2.0 come “Bang Bang” e “A little party never killed nobody“, rispettivamente di Will.I.Am e di Fergie, che inseriscono stralci anni venti all’interno di basi house potentissime. Da non sottovalutare nemmeno due ballate strappalacrime come “Together” dei e “Heart’s a Mess” di Gotye e la cover rétro di “Crazy in love” interpretata da Emeli Sandè con l’accompagnamento della Brian Ferry Orchestra.

La colonna sonora del Grande Gatbsy è, appunto, grande, pomposa, eccessiva ma allo stesso tempo irresistibile: una perfetta combinazione di generi diversi che confluiranno in quello che si preannuncia il miglior film dell’anno. Notevole, davvero.

 

Ecco a voi la cover della colonna sonora del film “Il Grande Gatsby”

the great gatsby colonna sonora cover

 

Tracklist

1.    “100$ Bill” -Jay-Z
2.    “Back to Black” -Beyoncé and André 3000
3.    “Bang Bang”-will.i.am
4.    “A Little Party Never Killed Nobody (All We Got)” -Fergie, Q-Tip and GoonRock
5.    “Young and Beautiful” -Lana Del Rey
6.    “Love Is the Drug” – Bryan Ferry with The Bryan Ferry Orchestra
7.    “Over the Love” – Florence and the Machine
8.    “Where the Wind Blows” – Coco O. of Quadron
9.    “Crazy in Love” – Emeli Sandé and The Bryan Ferry Orchestra
10.    “Together” – The xx
11.    “Hearts a Mess” – Gotye
12.    “Love Is Blindness”- Jack White
13.    “Into the Past” – Nero
14.    “Kill and Run” – Sia

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Alberto_Muraro
Seguitemi su Twitter: @alb_simultaneo
Facebook