Advertisements

Editors e The Cult al Pistoia Blues: scaletta e recensione del concerto

Prosegue il Pistoia Blues, una delle rassegne musicali più interessanti a livello nazionale. Per la quarta serata del ricco programma, sul palco allestito in Piazza del Duomo sono arrivato due band di spessore: i e gli .

Sono stati i The Cult ad aprire le danze quando ancora erano vive le luci del giorno: il gruppo rock britannico ha incentrato il concerto sul loro ultimo disco Hidden City che stanno ancora portano in giro per l’Europa. La scaletta viene però aperta da Wild Flower, brano del 1987 che troviamo nel disco Electric.

Gli Editors, capitanati da Tom Smith, stanno ancora promuovendo In Dreams, lavoro del 2015 che presto sarà messo da parte per dare spazio al nuovo disco di inediti. Il loro show viene aperto da Cold, proseguendo poi con Sugar e Munich. La chiusura è invece affidata a Papillon, brano del 2006 contenuto nel disco In This Light and on This Evening.

Ecco di seguito la scaletta completa.

Scaletta concerto Editors Pistoia Blues 7-7-2017

Al link sopra l’archivio storico delle scalette dei concerti degli Editors

Cold
Sugar
Munich
Blood
Hallelujah
Eat Raw Meat = Blood Drool
Life Is a Fear
An End Has a Start
Smokers Outside the Hospital Doors
Two Hearted Spider
Magazine
No Sound but the Wind
Ocean of Night
All the Kings
The Racing Rats
Nothing

BIS

The Pulse
A Ton of Love
Marching Orders
Papillon

Scaletta concerto The Cult Pistoia Blues 7-7-2017

Al link sopra l’archivio storico delle scalette dei concerti dei The Cult

Wild Flower
Rain
Dark Energy
Peace Dog
Lil’ Devil
Birds of Paradise
Nirvana
Deeply Ordered Chaos
The Phoenix
Sweet Soul Sister
She Sells Sanctuary
Fire Woman

BIS

King Contrary Man
Love Removal Machine

loading...

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo
La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l'Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.
Facebook