Vedrai: testo e significato della canzone di Samuel

Qual è il significato del testo di , canzone di Romano – frontman dei Subsonica- piazzatasi decima al Festival di Sanremo 2017? Come sempre quando si parla di Subsonica e dintorni lo scontato non esiste, così come non c’è posto per il solito testo d’amore, ma c’è sempre una potente introspezione.

Partiamo dalla dichiarazione rilasciata dall’autore ieri in un’intervista a Radio Italia, riferita al verso “Riusciremo a dare ancora un nome a tutte le paure che ci fan tremare”:

“È una dedica all’amore, al fatto che spesso le cose che ci fanno tremare sono quelle che non conosciamo. Nell’amore è uguale, la paura di andare oltre. Il fatto di conoscersi, di capire il vero motivo per cui si sta insieme è molto importante”.

 

Affrontiamo dunque subito il tema fondante del testo, ovvero il cominciare a ricostruire un rapporto minato dalle paure e da “questa distanza che mi sputi in faccia”. E infatti solo così la speranza rinasce portata da un vento caldo di libeccio “E troveremo il modo per dimenticare/La noia, l’abitudine, la delusione/Vedrai che i desideri si riaccenderanno/Ricostruiremo il luogo in cui poi vivranno”.

Alla noia come fattore distruttivo supremo di un rapporto (citata infatti due volte),  e altra faccia dell’abitudine che sfocia infine nella delusione, si aggiungono il vuoto e la perfezione intesi come due facce della stessa medaglia. Ma la perfezione non esiste e la sua ricerca spasmodica porta all’autodistruzione. E’ nell’imperfezione che rinascono  i desideri “Perché noi siamo l’unica benedizione”, a patto di crederci e abbandonarsi alla conoscenza reciproca che porta alla verità.

Ecco testo e video ufficiale di Vedrai.

Vedrai –  TESTO – SAMUEL ROMANO

Se siamo ancora qui
Vuol dire che un motivo c’è
Lascia qualcosa tra le braccia
E non questa distanza che mi sputi in faccia
Se siamo ancora qui
A imparare come illuderci
A preoccuparci della verità
Vedrai che poi il tempo non ci tradirà
Sotto un vento di libeccio che dall’Africa
Soffia lieve su di noi la sua sabbia
Vedrai che riusciremo a dare ancora un nome
A tutte le paure che ci fan tremare
E troveremo il modo per dimenticare
La noia, l’abitudine, la delusione
Vedrai che i desideri si riaccenderanno
Ricostruiremo il luogo in cui poi vivranno
Perché noi siamo l’unica benedizione
L’unica tragedia, l’unica ambizione
Se siamo ancora qui
Ad ignorare le difficoltà
Impareremo anche a comprendere
Che esiste un buon motivo per insistere
Sotto un vento di libeccio che dall’Africa
Soffia lieve su di noi la sua sabbia
Vedrai che riusciremo a dare ancora un nome
A tutte le paure che ci fan tremare
E troveremo il modo per dimenticare
La noia, l’abitudine, la delusione
Vedrai che i desideri si riaccenderanno
Ricostruiremo il luogo in cui poi vivranno
Perché noi siamo l’unica benedizione
L’unica tragedia, l’unica ambizione
Dovremo solo ricominciare a respirare, a navigare
Dovrai soltanto dimenticare la noia, il vuoto, la perfezione
Vedrai che riusciremo a dare ancora un nome
A tutte le paure che ci fan tremare
E troveremo il modo per dimenticare
La noia, l’abitudine, la delusione
Vedrai che i desideri si riaccenderanno
Ricostruiremo il luogo in cui poi vivranno
Perché noi siamo l’unica benedizione
L’unica tragedia, l’unica ambizione

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni
Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish. Contatto diretto: blog@gamefox.it
Facebook