Bruciare per te: esegesi del testo del nuovo video di Elisa

È uscito ieri, domenica 18 settembre 2016, il video tratto da , il nuovo singolo di . Il brano è estratto dall’album On, come già il singolo apripista No Hero, di cui ci siamo occupati qualche mese fa. Abbiamo però deciso di presentarvelo perché il testo e le immagini sono fortemente autobiografiche, come dichiarato dalla stessa cantante.

“Ho fatto un video un po’ autobiografico ed è la mia dedica a tutte le donne che hanno vissuto un’esperienza particolare, che sono cresciute senza la figura paterna. È un dedica a tutte loro, a tutte voi, a tutte noi”

E in effetti il video ha un struttura diacronica, in cui Elisa ricostruisce il rapporto col padre; emblematica la scena in cui dal futuro osserva sé stessa da bambina che abbraccia suo papà senza essere ricambiata, finendo per allontanarsi da lui con sguardo attonito. Poi il finale sembra raccontare la ricostruzione di una famiglia con un attore che è facile identificare con il compagno Andrea Rigonat dal quale ha avuto i piccoli Emma Cecile e Sebastian.

loading...

Ma torniamo al tema centrale del video. Cos’è successo tra Elisa e suo padre? Per capirlo ci aiuta un’intervista rilasciata dalla cantante a Vanity Fair, nel numero 12 uscito il 23 marzo 2016. Ecco cosa dichiarava:

Spesso ha definito la sua infanzia complicata. Mi spiega perché?
«È una domanda scomoda. La situazione era questa: mia madre stava insieme a mio padre, ma mio padre non viveva con noi perché aveva anche un’altra famiglia. Le vacanze le faceva con noi, però il resto del tempo stava con loro».
Suo padre ha avuto figli con un’altra donna?
«Un fratello e una sorella molto più grandi di me».
È riuscita a mettere insieme i pezzi di questa «famiglia allargata»?
«Ci abbiamo provato dopo la morte di mio padre (il 21 gennaio 2015, ndr). C’è stato un momento in cui ci siamo fatti tutti una gran risata perché ci siamo sentiti come in un film di Tarantino, noi quattro in fila a scegliere la lapide per la tomba. Prima di allora ci eravamo visti solo quattro, cinque volte. Adesso, invece, ci sentiamo, andiamo a mangiare la pizza».

Elisa non va oltre, ma se ne può desumere che anche nei periodi passati con lei il rapporto col padre non fosse idilliaco, portandola a sentire una doppia assenza: quella fisica (per gran parte dell’anno) e quella spirituale nel breve periodo di vicinanza. Una situazione certamente comune a tanti figli di genitori non necessariamente separati. È a loro che si rivolge questo bellissimo video il cui messaggio sembra essere: “Mettiti tutto alle spalle: tu puoi costruirti una famiglia migliore e rimediare ai buchi neri del tuo passato dando ai tuoi figli quello che non hai avuto tu”.

Ecco il video seguito dal testo integrale.

| Elisa

Forse nemmeno lo so quello che sei per me
Quello che mi toglie, quello che mi dai
Talmente tanto che semplicemente non lo so vedere per intero
Come l’universo
Quello stato di euforia, di confusione
Sì di confusione quando trovi tutto quello che avevi perso
E bruciare per te
Mai avrei creduto mai
Che fosse tutto così
Forte così fragile, forte da resistere
Leggero come l’aria, come nuvole
Mai avrei sperato, mai
E invece è tutto così
Forte così fragile, forte da resistere
E io insieme a te scriver le pagine
E immagina che buffo se lo capirò
Così tutto d’un tratto, poi guardandoti
Che mi hai cambiata per sempre
Come il primo giorno avevo quei bagliori
Che avevi sul viso, lì sospeso sulla curva del tuo sorriso
E bruciare per te
Mai avrei creduto mai
Che fosse tutto così
Forte così fragile, forte da resistere
Leggero come l’aria, come nuvole
Mai avrei sperato mai
Che fosse è tutto così
Forte così fragile, forte da resistere
E io insieme a te scriver le pagine
E bruciare per te
Poi lo capirò forse, poi
Che ti ho dato tutta me
Stessa senza chiedere, niente in cambio, niente che
Che tu non avessi già dentro di te

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Luca Landoni
Giornalista pubblicista iscritto all'ODG Lombardia. Amante in particolare di gothic/dark e progressive rock. Ha lasciato il cuore nei Marillion epoca Fish. Contatto diretto: blog@gamefox.it
Facebook