Radio Globo e le accuse di sessismo: polemiche sul Morning Show

Imperversano le polemiche su “The Morning Show“, trasmissione di Radio Globo, emittente più ascoltata nel Lazio. Il programma è stato accusato di sessismo a causa di svariate quantomeno sgradevoli frasi pronunciate nelle puntate dalla puntata dell’8 luglio in avanti.

La trasmissione – di cui sono ascoltabili i podcast, è stata accusata per i contenuti mandati in onda dal portale Pasionaria.it. che ha ricevuto il sostegno da parte del Telefono Rosa, il quale ha prontamente segnalato il caso alla Presidente della Camera Laura Boldrini e la questione ha visto tirati in ballo anche l’Agcom, l’Ordine Nazionale dei Giornalisti e Ufficio Nazionale Anti Discriminazione della Presidenza del Consiglio (Unar).

E’ stato richiesto un approfondimento dei contenuti ed una presa di provvedimenti. Tutto è nato dal commento della nomina ad assessori di 5 donne da parte della sindaca di Roma Virginia Raggi. Sono emerse battute che hanno spinto un’ascoltatrice – Barbara – a replicare ai conduttori Massimo Vari, Roberto Marchetti, Giovanni Lucifora e Federico De La Vallée.  In risposta alla contestazione sono giunte frasi come “Torna in cucina“, “Passaci tuo marito“, o epiteti come “Complessata” e messaggi dagli ascoltatori quantomeno poco edificanti e non filtrati.

loading...

Non è sfuggita alla “satira” del gruppo anche una ragazza – Ilaria Nassa – che aveva lanciato l’hashtag “BoicottaRadioGlobo” e scritto una lettera di protesta.  I conduttori hanno risposto che va preso in considerazione il contesto nel quale vengono inserite le battute, che il Morning Show è un programma non d’informazione ma d’intrattenimento e satira. Questa è stata – in sintesi – la replica dei conduttori lo scorso 15 luglio.

Stefano Beccacece (On Twitter @Cecegol)

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Stefano beccacece
Stefano Beccacece nasce nel 1985 a Torino. Sino a pochi anni fa poeta - ha pubblicato due raccolte tra il 2006 ed il 2010 - ora fa prevalentemente il blogger con l'aspirazione di divenire giornalista pubblicista. Dal 2012 scrive di calcio e mass media. Su Radiomusik potete leggerlo prevalentemente nella sezione "Radio News".
Facebook