Advertisements
Advertisements

Bruce Springsteen live a Milano: recensione e scaletta del concerto

Il boss è arrivato in Italia: ieri sera, domenica 3 luglio,  si è esibito allo stadio San Siro di Milano per la prima tappa italiana del suo tour. Il The River Tour 2016 conta tre tappe nel nostro paese, ben due nello stadio milanese dove il cantante, in passato, si era esibito già altre cinque volte.

Il pubblico è quello delle grandi occasioni e non poteva essere diversamente visto che di grande occasione si trattava: giovani e meno giovani avevano, da giorni, fatto la fila per garantirsi un posto in prima fila e l’attesa è stata ripagata alla grande visto che il Boss si è presentato proprio in a ridosso del pubblico dove, nel pieno del pomeriggio, ha cantato Growin’ Up. Si è aperto così, alle 17.30, lo show di Bruce Spingsteen che tornava in Italia dopo tre anni dalla sua ultima apparizione.

Un’uscita a sorpresa per un brano solo ma che non ha colto impreparati i fan che già dalle prime ore del pomeriggio si erano riversati sul prato dello stadio. Poi appuntamento in serata, alle 20.15, quando il concerto prende il via ufficialmente sulle note di Ennio Morricone che fanno da ingresso alla band. E con le prime note di Land of Hope and Dreams ecco l’entrata in scena anche di Springsteen mentre sugli spalti viene esposta la bellissima scenografia: la scritta Dreams are alive tonite da il benvenuto al gruppo e al cantante.

Lo show prosegue con The Ties That Bind che sarà il primo di quattordici brani estratta da The River, album storico del 1980 e che dà il nome a questo tour. Non mancheranno brani più recenti e cover come quella di Trapped, brano di Jimmy Cliff. Dopo quasi quattro ore di grande musica, di forti emozioni e di goduria totale, termina il concerto ma domani sera, martedì 5 luglio, si replica.

Scaletta concerto Bruce Springsteen Milano 3-7-2016

Al link sopra l’archivio storico delle scalette dei concerti di Bruce Springsteen

Growin’ Up (nel pre-show)
Land of Hope and Dreams
The Ties That Bind
Sherry Darling
Spirit in the Night
My Love Will Not Let You Down
Jackson Cage
Two Hearts
Independence Day
Hungry Heart
Out in the Street
Crush on You
Lucille
You Can Look (But You Better Not Touch)
Death to My Hometown
The River
Point Blank
Trapped
The Promised Land
I’m a Rocker
Lucky Town
Working on the Highway
Darlington County
I’m on Fire
Drive All Night
Because the Night
The Rising
Badlands

BIS

Jungleland
Born in the U.S.A.
Born to Run
Ramrod
Dancing in the Dark
Tenth Avenue Freeze-Out
Shout

Thunder Road

 

Advertisements

Commenti Facebook

commenti

About Andrea Izzo

La musica reggae è la mia grande passione: adoro tutta la musica giamaicana dallo ska al new roots, passando per la vecchia dancehall. Frequentatore assiduo di concerti, ho girato l’Italia per ascoltare i grandi artisti che amo.